Il biondo, il moro e il cattivo

By
Pubblicato: 12:06 - 26 novembre, 2014


Non è il titolo di un film di Sergio Leone, anche se la prima assoluta sarà nel fine settimana. La regia non sarà quella cara al cinema western, ma affidata a Beppe Sannino. Il biondo, il moro e il cattivo non saranno Clint Eastwood, Eli Wallach o Lee Van Cleef ma Gaston Sauro, Nicolas Spolli e Alexis Rolin per una difesa inedita che farà il suo debutto ufficiale a Terni in una partita delicata in ottica trasferta.

Un mix tra necessità e prove generali perché, se da un lato le scelte del tecnico campano sono obbligate data l’assenza di Capuano, dall’altro questo pacchetto, completato da Monzon, può rappresentare una soluzione importante per l’out difensiva. Le buone prestazioni di Sauro come terzino rappresentano una scoperta per l’argentino che aveva iniziato la stagione al di sotto delle aspettative, e sebbene la spinta offensiva non sia delle migliori, l’ex Basilea garantisce tanta quantità in fase difensiva. Il ritorno di Rolin è stato già fondamentale contro il Latina dove, con una condizione non al meglio, ha dato garanzie di fisicità e velocità al reparto arretrato e con il ritorno di Spolli può trovare un compagno affiatato e rodato con cui fare tandem al centro della difesa.

Non solo questo nel film diretto da Sannino perché questo trittico può favorire un cambio di modulo a gara in corso senza troppi adattamenti di ruolo. Come già visto nell’ultima gara casalinga il tecnico etneo ha in testa sia la difesa a 4 che quella a 3 e proprio Sauro, Rolin e Spolli rappresentano tatticamente una valida garanzia per poter supportare il centrocampo a 5 con Monzon largo sulla sinistra e probabilmente Rosina a destra. Il trailer visto contro il Latina ha dato buone garanzie in tal senso per una squadra che per la seconda volta in stagione non ha subito goal dimostrandosi compatta. Il ritorno di Spolli non può che gratificare Sannino dandogli ancora maggiori garanzie aumentando notevolmente l’appeal ad un film che se dovesse rispecchiare le aspettative potrebbe candidarsi perfino agli oscar.

La strada per i premi e le gratificazioni tuttavia è ancora lunga. C’è tanto tempo prima di ricevere record di incassi e applausi scroscianti. E’ ancora tempo di lavoro e assemblaggio, sperando che con questo film, già da Terni, gli unici spettatori a divertirsi siano quelli di fede rossoazzurra.