In & Out: Castro insostituibile, che personalità Del Prete

By
Pubblicato: 17:06 - 11 aprile, 2015


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Terza vittoria consecutiva per il Catania che dopo un avvio titubante ritrova fiducia e ne rifila quattro al Trapani. Ottima la prova di Castro e Del Prete, mentre da rivedere il centrocampo e la difesa. 

 In: 

Castro – L’argentino sembra aver finalmente trovato la giusta collocazione in campo. Propositivo e raramente fine a se stesso, con il suo movimento tra le linee è stato una costante spina nel fianco. Il gol è il giusto premio. Migliore in campo per distacco. 

Del Prete – Personalità da vendere per il terzino di Marcolin che nel momento più difficile decide di iniziare a spingere, ed è lui in effetti a cambiare la partita. Aggredisce il fondo, ma non disdegna anche la soluzione diretta verso la porta. Peccato che nel finale il mirino centri la traversa. 

Schiavi – Inizia la partita nel peggiore dei modi con una trattenuta in area su Terlizzi e tanto nervosismo. Nella ripresa però sale in cattedra annullando ogni velleità degli avversari grazie ad una splendida doppietta che ricorderà a lungo. Gol scaccia guai.  

Out: 

Ceccarelli – Malele è giovane e veloce, caratteristiche che fanno andare in bambola il centrale ex Spezia. Dopo i venti minuti iniziali trova le contromisure, ma l’approccio è da rivedere. 

Rinaudo – Grandi difficoltà in mezzo al campo per il centrocampista argentino. Nella prima frazione viene preso in mezzo dalla verticale Scozzarella-Falco non riuscendo mai a colmare le distanze. Nella ripresa cresce grazie alla grinta e al lavoro sporco. 

Calaiò – Partita anonima per il numero nove che sembra lontano parente dell’attaccante capace di siglare lo splendido gol di Varese. Mai temibile e pungente, risulta facilmente leggibile da Terlizzi e Pagliarulo. Probabilmente risente di un problema fisico che lo costringe al cambio 

Gillet 7; Mazzotta 5,5; Ceccarelli 5,5;  Schiavi 7; Del Prete 7,5; Rosina 6; Rinaudo 5,5; Sciaudone 6; Escalante s.v.; Castro 7,5; Piermarteri s.v. Calaiò 5; Chrapek s.v.; Maniero 6,5 

 Marcolin 6,5 – Vince la terza partita consecutiva e quindi ha ragione lui, nonostante l’approccio al match sia stato totalmente errato. Ha la bravura di strigliare i suoi e di capovolgere il match fra primo e secondo tempo senza bisogno di ricorrere a cambiamenti tattici. La trazione è un po’da rivedere, ma per oggi va bene così…