960x135catanistafbENJOYstarREMAXHONDAmazdatwit

Mixed-zone – Le parole di Bucolo, Gil e Di Grazia

By
Pubblicato: 22:54 - 5 aprile, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Soddisfazione, ma testa alla prossima gara: Bucolo, Gil e Di Grazia hanno parlato al termine di Catania-Virtus Francavilla.

BUCOLO – “La vittoria? Sono soddisfatto, ma non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo. Domenica giochiamo con la Vibonese e dobbiamo fare affrontare una battaglia. Oggi abbiamo sofferto, poi ci sono stati gli episodi. La gente mi vuole bene, lo sento, le polemiche non mi interessano: qualcuno dimentica che sono catanese ed è stato un brutto periodo anche per me.”

GIL – “Non è vero che siamo un disastro. Abbiamo avuto tanta sfortuna sia contro il Foggia che con il Catanzaro, ma possiamo migliorare da questa partita. Mbodj? Si è sempre allenato al massimo e ha sostituito molto bene Bergamelli, e non era semplice. Dobbiamo essere positivi: possiamo arrivare ai Playoff e vincerli e andare in Serie B. Il Catania ha una tifoseria che non merita la Lega Pro. La mia posizione? Io sono un centrale di sinistra adattato a centrale di destra.”

DI GRAZIA – “Il gol? Ciò che importa è che abbiamo vinto. Abbiamo avuto tanta sfortuna, ma adesso dobbiamo giocare diversamente e vincere con la Vibonese. Per un giocatore ci sono sempre i periodi No, la cosa importante è ritrovare la strada giusta. Sono contento per il mister: ci capiamo con uno sguardo, sono felice che gli abbiamo regalato la prima vittoria al Massimino.”