Mixed zone – Le parole di Marchese e Baldanzeddu

By
Pubblicato: 20:33 - 7 maggio, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Felici e sorridenti, ma testa ai Playoff: Giovanni Marchese e Ivano Baldanzeddu sono intervenuti in mixed zone al termine della gara tra Casertana e Catania.

MARCHESE – “Era un obiettivo importante e l’abbiamo raggiunto: lo dedichiamo a Martinez, che ha perso il padre, e ai compagni che non c’erano. Li meritavamo, anche perché senza i punti di penalizzazione saremmo stati in un’altra posizione. Manneh? Bisogna fare i complimenti a tutti perché essere squadra è anche questo, esserci e dare il massimo nei momenti di difficoltà. la Juve Stabia? Cercheremo di fare il massimo, ma giocheranno in casa e possono sia vincere che pareggiare.”

BALDANZEDDU – “Ho fatto di tutto per rientrare e aiutare la squadra in questa fase finale. Sono un po’ fuori condizione, ma so che quella mezz’ora ho dato una mano. Adesso dobbiamo mettere in campo ciò che abbiamo messo in campo in queste due partite, ovvero la grinta e la voglia di non mollare mai, questo ci ha contraddistinto. Avanti abbiamo giocatori di qualità che possono risolvere le partite. Il blocco? l’abbiamo superato: siamo venuti qua in un campo difficile e siamo entrati con la giusta determinazione. Dobbiamo andare a Castellammare con la stessa voglia.”