960x135catanistafbENJOYstarREMAXHONDAmazdatwit

“L’otto-volante” rossazzurro in partenza

By
Pubblicato: 09:15 - 18 maggio, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

E’ sempre calciomercato: è chiaro a tutti, ormai. L’otto-volante rossazzurro è in partenza: otto, o poco più, nomi in uscita, tra chi non ha convinto e chi, invece, ha terminato le chances a propria disposizione. Sarà mini-rivoluzione per il Catania? E’ ancora presto per dirlo: la lista degli addii, però, sembra essere quasi definita.

La Lega Pro non fa sconti: in questa categoria o fai bene o trovi un’altra destinazione. E’ una giostra che prima ti porta su e poi precipita inaspettatamente: un ottovolante, appunto. Apriamo due capitoli: uno relativo a chi era chiamato a dare una risposta positiva dopo il primo anno vissuto “così così”, con la salvezza acciuffata all’ultima giornata, e l’altro che riguarda i “nuovi volti” di questa stagione. Facciamo un passo indietro, torniamo all’ultima conferenza stampa di Pietro Lo Monaco: “l’eterno incompiuto” Russotto, come definito dal direttore, sembra essere in cima alla lista dei partenti, seguito da Di Cecco, che a giugno vedrà scadere il proprio contratto dopo un campionato vissuto fuori dal campo, e da Calil, che rientrerà da Livorno nelle prossime settimane. Dei nuovi, invece, a fare le valigie potrebbero essere in tanti: ad inizio luglio scadranno anche i prestiti di Tavares e Baldanzeddu, che verosimilmente torneranno al Catanzaro e al Venezia, mentre non ha convinto neanche il carattere di Fornito che, al contrario di quanto dimostrato, nei progetti iniziali avrebbe dovuto legare la mediana all’attacco, e che quindi riapproderà al Trapani.

Attenzione a Mazzarani: è stato chiaro in mixid-zone al termine della gara con la Juve Stabia, non è in scadenza, anzi, ma quel “vedremo per il futuro” lascia dei dubbi che possono essere risolti solo con l’avvio del mercato, visto il profilo comunque “top di gamma” per la Lega Pro. Sette nomi, fin qui: manca quello di Bergamelli. Per il centrale difensivo c’è in ballo il rinnovo del contratto che lo vedrebbe svincolato già da giugno, ma lo stesso Dario ha più volte ribadito la volontà di non lasciare Catania: tra le parti ci sarà presto un ulteriore incontro per chiarire la situazione, ma stando alle ultime indiscrezioni filtra un inaspettato ottimismo. Otto pedine, come un otto-volante: o quasi, perché sullo sfondo ci sarebbero altri giocatori con le relative matasse da sciogliere. Da Scoppa ai rientranti Silva e Anastasi, passando da Piermarteri, Mbodj e Parisi. La lista potrebbe allungarsi: sarà rivoluzione?