Affare Gomez: l’Atalanta fissa il prezzo e il Catania guarda e gongola

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Il “Supermarket” Atalanta ha fissato il prezzo: il Catania sta alla finestra e gongola, anche se in silenzio. Tutti vogliono il Papu Gomez, che in settimana ha siglato il suo primo gol con la Seleccion Argentina: dal Milan alla Lazio, passando per altri club che, per adesso, seguono la vicenda. Nelle scorse ore la “Dea” è stata chiara: si parte da una base d’asta di 20 milioni di euro.

La società nerazzurra non sembra essere intenzionata ad ascoltare proposte al di sotto di questa cifra: della serie, “parte solo per un’offerta irrinunciabile”. Anche perché, dopo l’addio di Kessié e quello probabile di Spinazzola, Gasperini non vuole privarsi del Papu svendendolo alla prima richiesta. E nel frattempo, in terra etnea, tutti tengono le dita incrociate: ricordiamo che, in caso di cessione di Gomez, il Catania riceverà il 20% del costo dell’intera operazione. Insomma: il mercato è ancora lungo, sia chiaro, ma sembra sempre più probabile un’ulteriore entrata nelle casse rossazzurre.

Leave a Reply