Mercato Catania: Richieste “pazze”, Zabala torna in Argentina

By
Pubblicato: 19:59 - 15 agosto, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Aveva sorpreso tutti: tifosi e addetti ai lavori, ma le strade di Facundo Zabala e del Catania, dopo il ritiro precampionato, si dividono, almeno per adesso.

Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, infatti, il giocatore argentino, dopo aver convinto la società e mister Cristiano Lucarelli a tesserarlo, avrebbe avanzato proposte contrattuali ben oltre rispetto a quelle di un ragazzo classe ’99, con cifre poco al di sotto dei 25 mila euro annui, compenso che in terza serie e per un giovane di buon talento ma col punto interrogativo appaiono assurde per gli etnei. Per intenderci, uno stipendio che potrebbe percepire un giovane ma gia’ rodato in serie C. Inoltre, Zabala avrebbe chiesto vitto e alloggio a Torre del Grifo e una sistemazione anche per il padre, suo procuratore, come accade in molti casi quando si parla di atleti sudamericani. Condizioni che, con ogni probabilità, trascendono i caratteri del “sogno” che, da quanto appreso, nonostante tutto il ragazzo racconta di voler perseguire. Nulla da fare, quindi, almeno per adesso: l’avventura di Zabala in terra etnea si interrompe qui.