Alla scoperta di… Fidelis Andria: cambio di modulo e novità in avanti

By
Pubblicato: 16:00 - 16 agosto, 2017


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Nonostante il buon campionato disputato la scorsa stagione, la Fidelis Andria ha rinnovato decisamente il suo look in vista del prossimo campionato operando sul mercato ma anche per quanto riguarda lo staff tecnico. Il passaggio da mister Favarin a Valeriano Loseto ha comportato uno stravolgimento tattico con il passaggio dal 3-5-2 al 4-3-3,ed un reparto offensivo che si è rinforzato soprattutto sugli esterni.

Partendo dalla difesa, gli addii di Ramzi Aya (miglior difensore dello scorso campionato) e Tartaglia sono stati due duri colpi da assorbire per la società pugliese, che però ha deciso per adesso di puntare sull’usato sicuro in zona centrale confermando Rada, Colella e Allegrini, mentre la novità arriva sugli esterni dove a sinistra agiranno i neo arrivati Pipoli e Tiritiello. Quest’ultimo però può agire anche da centrale, ecco perchè non è esclusa l’ipotesi relativa alla difesa a tre con lo slittamento sulla linea di centrocampo proprio di Allegrini o Pipoli.

In mediana il faro sarà ancora una volta Onescu, classico play maker capace di dare il ritmo all’azione, coadiuvato dal neoacquisto Quinto, proveniente dal Foggia e dall’esperto Piccinni. Attenzione però a una batteria di giovani interessanti: in primis Esposito, ventiduenne proveniente dalla Pro Vercelli, ma anche Matera (ex Benevento) e Bottalico ( potrebbero rappresentare pedine importanti nel corso della stagione.

La vera rivoluzione, però, riguarda il reparto offensivo. Via Mancino, Cruz e Cianci; la Fidelis Andria ha deciso di puntare nuovamente su Antonio Croce e sul giovane jolly Minicucci, capace sia di agire da mezzala, ma anche da esterno del tridente. La fascia sinistra dovrebbe essere presidiata da una conoscenza rossazzurra, quel Maks Barisic ceduto in prestito all’interno dell’affare Aya. Dal mercato sono arrivato poi Nadarevic, vecchia conoscenza ex Trapani, Lattanzio, lo scorso anno 16 gol in Serie D con il Bisceglie, ed il giovane Scaringella.

Insomma un’ossatura centrale conservata, ma tanti cambiamenti e punti interrogativi relativi ai giovani che solamente il campo potrà sciogliere.