Pozzebon-Anastasi: chi resterà al Catania?

By
Pubblicato: 13:05 - 18 agosto, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Quant’è difficile iniziare la stagione calcistica durante il calciomercato? Tanto, forse troppo: ma non è questa la sede adatta per discuterne. Con la modifica della lista Under/Over e la diminuzione del numero di quest’ultimi a 14 (salvo sorprese che, comunque, restano remote), il Catania si trova a fare i conti con le uscite: e per quanto si possa pensare ad una soluzione pacifica, non si possono tenere in rosa tutte le punte che attualmente vestono la maglia rossazzurra. Gli arrivi di Curiale e Ripa, dunque, riaprono una questione già affrontata all’inizio del mercato: chi tenere tra Demiro Pozzebon e Valerio Anastasi?

Per quanto si possa “voler bene” ad entrambi, stando così le cose uno dei due dovrà lasciare il capoluogo etneo. E qui ritorniamo al punto di partenza, modificando un po’ la domanda: quant’è difficile iniziare la stagione calcistica durante il calciomercato, basandosi oltretutto “solo” sulle amichevoli precampionato? Se lo è per voi e per noi, figuriamoci per il duo Lo Monaco-Argurio e per mister Cristiano Lucarelli: premettiamo, sia Pozzebon che Anastasi hanno mercato, essendo attaccanti dal fiuto del gol facile. Il problema nasce quando bisogna decidere in relazione a quanto offerto in ritiro: e questo perché sono due giocatori diversi, sia per stile che per fisicità. Demiro ha segnato parecchio, pur non giocando benissimo. Scende molto a centrocampo ed è ideale per aprire gli spazi: la rete contro la Sicula Leonzio è l’espressione di una certa iniziativa che lo porta ad abbassare il baricentro. Valerio, invece, per stazza e peso ha bisogno di più tempo per entrare in condizione, ed è per questo motivo che nel precampionato è sembrato un po’ in ombra rispetto ai compagni.

Basandosi, quindi, sul “calcio d’estate” (comunque importante e indicativo) Pozzebon pare avere maggiori chances di rimanere al Catania, a ragion veduta: la voglia è quella dei giorni migliori. Rischia, però, di essere un “doppione” di Curiale se inserito nel contesto partita: al contrario, Anastasi è più un uomo da area di rigore, un longilineo che in certe gare può tornare utile e che, in questo momento, il club rossazzurro non ha come alternativa. Immaginiamo, quindi, una tavola rotonda con Lo Monaco e Argurio a confrontare le carte insieme a Lucarelli: “scegliamo questa che ha determinate statistiche o l’altra?”, il Catania selezionerà quella giusta, anche se, poi, le vie del mercato sono e rimangono sempre infinite.