Zé Turbo: “Catania grande club. Voglio ripagare la fiducia”

By
Pubblicato: 17:35 - 12 settembre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Corsa, qualità e tanta voglia: José Correia Zé Turbo ha parlato in conferenza a Torre del Grifo presentandosi alla stampa:

“Sono molto felice di essere qui, quando sono arrivato sono rimasto sorpreso per la società che ho trovato: sono stato in grandi club, e qui c’è anche di più. Ci sono tutte le condizioni per crescere. E’ una città fantastica, anche se non sono ancora uscito a visitarla. Spero di dare il massimo per aiutare la squadra e sto facendo amicizia con qualche compagno. Sono un ragazzo molto ambizioso e punto a vincere il campionato: spero di creare tanti problemi al mister perché sto lavorando per questo. Devo congratularmi con i miei compagni per quanto fatto sabato sera: abbiamo dimostrato di essere una grande squadra. Se c’è differenza con le mie altre esperienze? Sì, questo campionato è tosto: mi farà crescere, spero di fare bene perché Catania ha avuto fiducia in me nonostante abbia fatto un anno non molto positivo e spero di ripagare la fiducia che mi hanno dato. Sono qua da poco, ma ho già capito l’importanza che ha il calcio per la gente: si vede quanto le persone tengono al Catania. A che giocatore mi ispiro? Mi è sempre piaciuto Adriano. Balotelli? Mi piace tantissimo come gioca, ma non per quello che fa fuori dal campo. Sono un ragazzo professionale che cerca di dare tutto.”