Il Catania “blinda” Pisseri: ufficiale il rinnovo contrattuale

By
Pubblicato: 19:10 - 9 ottobre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Il Catania si blinda e, di conseguenza, blinda uno dei suoi migliori giocatori: negli scorsi minuti è stato ufficializzato il rinnovo contrattuale di Matteo Pisseri.

Qualche giorno fa l’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco aveva annunciato il prolungamento, senza però far trapelare i dettagli dell’accordo: il portiere vestirà la maglia rossazzurra fino al 30 giugno 2020, una conferma importante in vista del futuro. Di seguito le prime parole di Pisseri rilasciate al sito ufficiale: “Sono felice e ringrazio il direttore Lo Monaco e tutta la società per la fiducia che mi concede: anch’io ne ho molta in loro, il Catania è un grande club, destinato a crescere ancora. I nostri pensieri ed i nostri sforzi, oggi, sono tutti indirizzati agli obiettivi stagionali: abbiamo grandi potenzialità e andiamo avanti con il massimo impegno. Ringrazio anche lo staff tecnico ed i miei compagni. Dedico un pensiero all’allenatore dei portieri Marco Onorati: sono contento di poter continuare questo percorso di crescita con lui e con il mio compagno Miguel. Il direttore ha dichiarato che gli piacerebbe vedermi giocare in Serie A con la maglia rossazzurra? Anche a me piacerebbe molto, sarebbe stupendo per tutti. Un ringraziamento speciale ai tifosi del Catania, che mi dimostrano continuamente affetto sincero e grande stima. Il titolo di miglior difesa d’Italia? Importa poco, ora: siamo tutti molto concentrati sulle prossime partite, quelle già giocate non contano”.