Catanzaro, Dionigi con il 5-3-2? “L’organico del Catania può giocare già la Serie B”

By
Pubblicato: 11:10 - 12 novembre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Non fatevi illudere dalla classifica: mister Cristiano Lucarelli avrà metallizzato e messo in guardia i suoi. A dispetto di quanto recita una graduatoria finora non entusiasmante, il Catanzaro non è una squadra da sottovalutare.

Lo sa bene Davide Dionigi, allenatore giallorosso, che alla vigilia ha caricato i suoi in conferenza stampa: “Ci danno tutti per battuti, ma le partite vanno giocate fino alla fine e noi lo faremo nel migliore dei modi. Ci attende una sfida proibitiva, il Catania ha un organico che potrebbe giocare già domani la Serie B. Partite come queste, seppur difficili, sono sempre belle da giocare: allo stadio ci saranno tanti spettatori e sarà importante, ad inizio gara, quando la spinta del pubblico si farà sentire maggiormente, tenere botta con il massimo dell’attenzione e poi non smettere mai di correre ed aggredire. L’assenza di Onescu? Complicherà un po’ le cose, ma dovremo ovviare alla mancanza e cercare di essere comunque intensi a centrocampo per non andare in difficoltà. L’undici titolare? Già tutto scelto, sia in termini di modulo che di uomini. Il campo? Ci adatteremo a tutte le situazioni. La loro è una squadra comunque molto tecnica ed a rimetterci, in caso, sarebbe più la loro qualità. Noi, qualsiasi sia la superficie, dovremo pensare solo a correre.”

Così, il Catanzaro dovrebbe scendere in campo al Massimino con uno sviluppo del solito 3-4-3 (schierato spesso con il trequartista dietro le due punte): attenzione, però, ad un possibile 5-3-2 costante. In porta andrà Nordi, dietro ad una difesa a tre, ma con un atteggiamento a cinque in fase di attesa: sulle corsie laterali andranno, rispettivamente a sinistra e destra, Imperiale e Zanini, con i centrali Gamberetti, Di Nunzio e Sirri, in ballottaggio con Riggio. In mediana, l’assenza i Onescu costringe Dionigi al dubbio Van Ransbeeck-Icardi per scegliere il giocatore da affiancare a Marin e Benedetti. Le due punte, verosimilmente, saranno Letizia e Infantino.