Nuove penalizzazioni in Serie C: ne fanno le spese Akragas, Matera e Andria

By
Pubblicato: 16:10 - 27 novembre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Piove sul bagnato in casa Akragas: dopo la striscia di sette sconfitte consecutive e il caos societario che porterà al cambio di proprietà, nella giornata odierna è arrivata un’altra tegola sulla classifica del club. Il Tribunale Federale Nazionale, e nello specifico la Sezione Disciplinare, ha sanzionato i Giganti per violazioni Co.vi.so.c., con la penalizzazione di tre punti in classifica.

La società biancazzurra, quindi, sempre più ultima, adesso dovrà affrontare una graduatoria ben più grave, con soli sei punti e un distacco di cinque lunghezze dalla Paganese penultima. E’ vero che da quest’anno non ci sono le retrocessioni dirette, ma qualora a fine campionato la distanza fosse di otto punti, la squadra ultima dovrà rinunciare ai Playout per partecipare alla Serie D. Akragas, ma non solo, perché sono cinque in tutto i club penalizzati: 2 punti per l’Arezzo, 1 punto per Santarcangelo, Matera e Fidelis Andria, con inibizioni anche per i rispettivi dirigenti.

Altro nodo da sciogliere era quello relativo al caso Vibonese: il TFN, infatti, ha dichiarato inammissibile il ricorso della società del presidente Caffo, che dunque dovrà rinunciare anche alle ultime speranze di una clamorosa riammissione in Serie C.