Mercato, capitolo Ripa: o dà segnali, oppure…

By
Pubblicato: 10:57 - 4 dicembre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Grande fiducia, poche fiammate: inutile girarci intorno, non è stata una stagione facile fin qui quella di Francesco Ripa, arrivato al Catania in estate con l’etichetta di “bomber” (giustamente anche, visto quanto fatto in passato): caratteristica che, però, non è riuscito a dimostrare in campo. Vi avevamo parlato delle mosse dell’ad rossazzurro, Pietro Lo Monaco, in ottica gennaio: una porta il nome dell’attaccante numero ventinove.

Poche le tre reti totali, due in Coppa Italia e una con la Paganese in campionato, per uno come lui: la fiducia dell’ambiente, tuttavia, come scritto nell’incipit, non è mancata. “Bisogna saperlo aspettare”, ma che succede quando passano i mesi e il risultato non cambia? In un primo momento si è parlato di condizione fisica e minutaggio da recuperare: e qui entra in gioco la sapiente gestione di mister Cristiano Lucarelli, che ha permesso al giocatore di rifiatare quando necessario, concedendogli opportunità importanti da sfruttare anche dal primo minuto. Troppe responsabilità? No, piuttosto non gli gira granché, è evidente, visto che non si può passare da “grandi atleti” a “brocchi” in cinque o sei mesi: Ripa rimane un puntero di categoria, è indubbio, ma le prestazioni non lo aiutano.

Per questo motivo, secondo quanto raccolto, il club rossazzurro starebbe pensando ad una soluzione positiva per entrambi, ma che non porta il nome di Catania: crescono le percentuali di un futuro altrove, con diverse squadre interessate all’acquisto del cartellino. Qualora dovesse vendere Ripa, il Catania correrà ai ripari con un profilo capace di garantire diversi gol nel girone di ritorno, in vista della volata finale. Ma cederlo non sarà facile: c’è anche da dire che manca ancora un mese prima dell’apertura ufficiale della sessione invernale di mercato, e in caso di segnali positivi si potrebbe pensare di tenerlo. Poco meno di trenta giorni e sapremo: in attesa delle ultime gare dell’anno e, chissà, anche di sorprese.