Scoperto arsenale nei bus: tifosi del Matera denunciati

By
Pubblicato: 13:20 - 11 dicembre, 2017


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Il calcio c’entra poco, qui, e di certo non erano venuti al Massimino semplicemente a guardare una partita: cinquantadue bombe carta, dieci mazze di ferro e quattro da baseball, martelli ed una noccoliera, oltre a due tre bombe carte artigianali, due a fontana e sette fumogeni. Questo l’arsenale scoperto a bordo dei due pullman di tifosi del Matera in direzione Cibali per la gara contro il Catania.

Nella giornata di ieri, infatti, la Digos, nel corso delle perquisizioni dei cinquanta tifosi lucani, ha sequestrato il materiale ritrovato sui due bus e arrestato un rappresentante dei tifosi del Matera, denunciando altri trentatré supporters, in stato di libertà, tutti debitamente identificati e fotosegnalati. Fatto ciò, la Questura di Catania procederà con i Daspo verso i responsabili.