Una vittoria che va al di là del risultato: il Catania è pronto per Lecce

By
Pubblicato: 17:22 - 14 gennaio, 2018


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

“A Lecce per la vittoria”: più che una richiesta, una promessa. Tra una settimana sarà tutto diverso: stadio, agonismo e cattiveria. Sarà “la” partita e non “una” partita: ma ci sarà tempo e modo per pensarci. Ciò che consegna il test-match giocato contro il Sion è una sensazione positiva: la voglia di vincerla, dopo averla recuperata, supera di gran lunga qualsiasi risultato, utile per le statistiche, niente più.

Doveva essere la prima di Caccavallo e così è stato: da quanto tempo è arrivato? Tre giorni? Dribbla, corre e prova anche a segnare: il carattere non gli manca, l’abbiamo già detto. Il resto saranno il campo, e soprattutto le settimane, a dirlo. Non mancano le cattive notizie, in attesa di aggiornamenti: l’infortunio di Giuseppe Fornito, costretto ad uscire, il brutto scontro che ha visto protagonista nel finale Andrea Mazzarani, che ha abbandonato il campo zoppicante, e la botta al ginocchio rimediata da Saro Bucolo. Adesso passiamo ai sorrisi, se si può: le reti di Ripa e Lodi, tornato dal primo minuto, e la voglia di vincere di una squadra che non si arrende mai, nonostante si trattasse di un’amichevole. Segnale forte, perché il Sion non è certo poca roba: ultimo in classifica sì, ma con giocatori di indiscussa qualità come Adrian, Kasami e Ucan.

Ma dicevamo, la voglia di portarla a casa va al di là del risultato, e proietta tutti a domenica prossima: così come i cori della Curva, con i giocatori appena sotto i tifosi, trascendono i giorni e caricano l’ambiente. Non è ancora finita, manca ancora metà campionato: al Via del Mare sarà un’altra storia, ma il Catania è pronto. Una cosa sola, come sempre: un “Noi” e non un semplice insieme di giocatori. Questo fa sempre la differenza.

CRONACA E TABELLINO:

PRIMO TEMPO:

3′ – GOL DEL SION: Cross dalla testa e colpo di testa vincente di Schneuwly che batte Martinez per lo 0-1 degli ospiti.

7′ – Prima occasione per il Catania sui piedi del neo-arrivato Giuseppe Caccavallo che, però, di destro, non riesce a trovare la porta.

11′ – Ci prova ancora il Catania: Di Grazia prova a liberarsi a destra con personalità e prova una conclusione a metà tra un tiro e un cross che, però, si perde a lato.

13′ – TRAVERSA DEL CATANIA: Gran mancino di Ramzi Aya che, dopo aver raccolto una respinta della difesa avversaria, ha scaricato un tiro fermato solo dal palo alto del portiere.

24′ – Ottima occasione per il Catania: buon inserimento di Di Grazia che, entrato in area di rigore, ha trovato l’opposizione di Fickentscher.

26′- Continua il buon momento del Catania: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Luka Bogdan anticipa di testa il portiere avversario, ma non riesce a concludere a rete.

34′ – Primo cambio per il Catania: si fa male Giuseppe Fornito, al suo posto entra Mirko Esposito.

45′ – Il direttore di gara segnala un minuto di recupero per questo primo tempo.

SECONDO TEMPO:

45′ – Girandola di cambi per il Catania: escono Caccetta, Caccavallo e Curiale, entrano Bucolo, Mazzarani e Ripa.

58′- Occasione per il Catania: Di Grazia, uno dei più positivi in campo, riesce a liberarsi in area, ma la sua conclusione è centrale e Berchtold non ha problemi a respingerla.

60′ – Grande occasione per il Sion: Cunha, in spaccata, prova il tap-in vincente, ma trova davanti a sé un super-Martinez.

61′ – Altra girandola di cambi: escono Bogdan, Marchese, Aya, Di Grazia, entrano Semenzato, Blondett, Manneh e Zé Turbo.

62′ – PAREGGIO DEL CATANIA! Sugli sviluppi di un calcio piazzato, Francesco Ripa segna il primo gol rossazzurro del 2018 portano il risultato sull’1-1!

80′ – RIGORE PER IL CATANIA! Mazzarani viene atterrato in area di rigore e l’arbitro non ha dubbi, è calcio di rigore.

80′ – CATANIA IN VANTAGGIO! Lodi non sbaglia dal dischetto e porta in vantaggio i rossazzurri.

90′ + 2′ – Finisce qui: il Catania batte il Sion 2-1!

FORMAZIONI:

CATANIA (4-3-3): Martinez; Marchese, Bogdan, Tedeschi, Aya; Fornito, Lodi, Caccetta; Di Grazia, Curiale, Caccavallo. A DISPOSIZIONE: Fabiani, Semenzato, Esposito, Blondett, Manneh, Bucolo, Mazzarani, Rossetti, Zé Turbo, Ripa. All. Cristiano Lucarelli

SION (4-3-3): Fickentscher; Morgado, Neitzke, Cumart, Madeiras; Kasami, Ndoye, Ucan; Adrian, Succar, Schneuwly. A DISPOSIZIONE: Berchtolo, Bamert, Dimarco, Angha, Mveng, Grgic, Kukeli, Toma, Mboyo, Pinga, Cunha. All. Gabri Garcia.

GOL: 3′ Schneuwly (S), 62′ Ripa (C), 80′ Lodi.

AMMONITI:

ESPULSI: