Testa a testa Catania – Lecce: calendario abbordabile, ma i rossazzurri riposano tra tre giornate

By
Pubblicato: 17:42 - 5 febbraio, 2018


Chi ad inizio anno aveva pronosticato una lotta a due per la promozione diretta in cadetteria, in fondo, ha avuto ragione; e se, in principio, sembrava che il Trapani potesse fare da terzo incomodo nella corsa al primo posto, dopo ventitré giornate il girone C sembra aver trovato le sue due regine. Lecce e Catania stanno infatti conducendo un torneo di altissimo livello, condito da pochi errori e che, al netto di alcuni passi falsi dei rossazzurri, avrebbe potuto vedere due squadre perfettamente appaiate in vetta alla classifica.

A testimonianza di ciò, basta considerare i punti raccolti in trasferta dalle due squadre: 25 in 12 partite per il Catania, vera e propria inversione di tendenza rispetto alla storia dei rossazzurri, contro i 20 punti in 11 partite conquistati dal Lecce, in vantaggio però nella speciale classifica delle gare in casa: i giallorossi, infatti, non hanno mai perso tra le mura amiche, mettendo a segno 10 vittorie e 2 pareggi per un totale di 32 punti, contro i 23 conquistati dal Catania determinati, soprattutto, dalle due sconfitte rimediate.

Sono invece quattro i punti di ritardo degli etnei dall’attuale capolista del girone e, a tredici giornate dalla fine del campionato, il discorso è più aperto che mai. Basti pensare alle ultime cinque giornate in cui il Lecce, pur avendo pareggiato due partite (una proprio contro il Catania, l’altra con il Trapani), è riuscito a guadagnare un punto sugli avversari diretti, sconfitti a loro volta al Massimino contro la Casertana.

L’ambiente etneo, però, continua ad aver fiducia; tutti sono restii all’idea che i salentini non possano più inciampare da qui alla fine, con la consapevolezza però che il Catania non possa più permettersi di lasciare punti “facili” per strada come accaduto, appunto, contro Casertana e Sicula Leonzio.

La corsa riprenderà già domenica prossima, col Catania impegnato in casa contro il Cosenza e il Lecce di scena a Bisceglie due giorni prima, prima dello scontro tra i rossazzurri e il Monopoli in Puglia e quello tra Lecce e Leonzio in Sicilia.

L’obiettivo, per i rossazzurri, è di conquistare il massimo della posta in palio per non avere rimpianti quando, tra tre giornate, gli uomini di Lucarelli dovranno affrontare il turno di riposo mentre la squadra di Liverani ospiterà la Juve Stabia, con la possibilità di staccare ulteriormente i rivali in classifica. Al rientro, doppia sfida al Massimino per i rossazzurri, che ospiteranno prima il Siracusa e poi, sullo stesso prato, troveranno la Sicula Leonzio, a dispetto invece di un Lecce che andrà prima in casa dell’Akragas e che, successivamente, troverà il Matera di Auteri al Via del Mare.