Lucarelli: “criticate me, non i ragazzi. Se pensavate che avremmo ottenuto solo vittorie, allora fucilatemi…”

By
Pubblicato: 19:23 - 11 febbraio, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Ecco le parole del tecnico del Catania, Cristiano Lucarelli:

“Il tipo di avversario e il tipo di partita non faceva ipotizzare un grande spettacolo. Abbiamo sbagliato tantissimi cross, tantissime occasioni e tantissimi passaggi. Due squadre che si sono schierate abbastanza a specchio, noi avevamo pensato di non dare punti di riferimento e loro idem. Quando si affrontano due difese così imponenti è inutile schierare due punte che finiscono in bocca all’avversario”

“Barisic secondo me è stato il migliore in campo. Il merito comunque dei ragazzi è stato quello di ribaltare un film già visto. Catania ha fatto due punti in più dell’anno scorso, poi se c’è una squadra che sta vincendo tutte le partite bisogna solo fare gli applausi. Il problema è che siamo tre squadre, noi il Livorno ed il Lecce che stiamo viaggiando in maniera impressionante. Il Lecce ci prova da diversi anni, migliorando sempre qualcosa. Noi ripartiamo oggi per il primo anno, siamo attaccati a loro. Se l’aspettativa era che conquistassimo solo vittorie, allora fucilatemi”

“Quando ci siamo visti il 14 luglio. Parlo per la prima volta del Lecce, per i primi sessanta minuti è stato ridicolo, ma non ho sentito un fischio ed un mugugno. Tutti inquadrati e tutti compatti, noi vediamo troppe volte il bicchiere mezzo vuoto. Ho rinunciato di allenare in categorie superiori perchè mi sento uno con le palle che ha accettato di portare il Catania in alto. Offendete me, criticate me, ma non prendetevela con i ragazzi. Le curve ci stanno sempre vicino, ma bisogna sempre sostenere”