Top Player: Barisic e la cattiveria ritrovata

By
Pubblicato: 10:39 - 12 febbraio, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Il Catania si ferma contro il Cosenza, ma in compenso ritrova un Maks Barisic tirato a lucido. L’attaccante sloveno è stata una delle poche note liete di un pomeriggio avaro di soddisfazioni e di punti. Il giovane reduce dall’esperienza di Andria è stato schierato a sorpresa dal primo minuto in versione esterno, ed ha ripagato la fiducia con dinamismo ed intraprendenza.

Un ruolo ricoperto anche in altre circostanze con la maglia rossazzurra, ma raramente interpretato con la stessa  cattiveria e voglia di incidere. In apertura un cross velenoso verso Mazzarani, poi diverse incursioni pericolose, fino alla rete del provvisorio 1-2, con la complicità del portiere avversario (per il resto impeccabile).

Anche nella ripresa il numero nove è stato uno dei più propositivi chiedendo sempre la palla e cercando l’uno contro uno o la triangolazione con i compagni. Peccato che raramente le intenzioni abbiano trovato una concretizzazione nella realtà. Insomma una prova convincete e che rilancia le quotazioni di un ragazzo che potrà essere utile nel proseguo del campionato se continuerà a puntare sulla concretezza, tralasciando fronzoli e giocate eccessivamente raffinate.