Editoriale: Catania da record in trasferta. Ora tocca al Massimino

By
Pubblicato: 16:38 - 15 aprile, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Il testacoda non fa ribaltare le prime della classe e sia Catania che Lecce portano a casa i tre punti lasciando invariato il distacco in classifica e proseguendo la serie di risultati utili consecutivi. Rossazzurri bravi a non sottovalutare l’impegno e a scendere in campo concentrati e attenti in un primo tempo in cui l’Akragas non ha lesinato determinazione e voglia, ma non è riuscito a compensare il gap tecnico.

Lucarelli sceglie la continuità ed ha ragione. L’unica eccezione in difesa, perché l’obbligo di sostituire Aya e Bogdan ha portato il tecnico etneo a pensare di sfruttare maggiormente gli esterni con due uomini di pura spinta come Esposito e Porcino. Nonostante ciò il primo tempo ha regalato una sfida equilibrata, con i rossazzurri capaci di fare male ai padroni di casa solamente grazie alle folate offensive a turno di Lodi e Mazzarani. Proprio da un’incursione centrale, infatti, è scaturita la rete del vantaggio, con il piatto di Francesco Lodi innescato perfettamente dall’assist di Curiale. Sesta rete stagionale per il numero dieci, ma soprattutto primo gol su azione in questo campionato; un evento più unico che raro.

Tra le perle di questa giornata, però, non c’è solamente il gol del centrocampista campano, ma anche la quindicesima rete stagionale di Davis Curiale, sempre più capocannoniere e uomo gol, e la splendida azione che ha portato alla rete di Mazzarani. Unica nota stonata gli eccessivi spazi concessi difensivamente alle galoppate di Pastore e compagni, e proprio da una di queste discese è arrivata la rete della bandiera dell’Akragas, con Pisseri che ha subito gol dopo tre partite senza reti al passivo.

Catania da record dunque con la decima vittoria esterna ed un rendimento lontano dal Massimino davvero impressionante visti i 33 punti conquistati in 17 giornate. Adesso però testa nuovamente proiettata verso l’impianto etneo che lunedì prossimo, in posticipo tornerà protagonista nel big match della terzultima giornata contro il Trapani. La squadra di Calori, con il pareggio contro la Fidelis Andria, ha perso ancora terreno rispetto agli etnei, ma attenzione perchè il prossimo turno potrebbe consentire a Lodi e compagni di blindare il secondo posto e di proiettarsi a meno uno dalla capolista.