Tutti gli occhi su di lui

By
Pubblicato: 12:25 - 17 febbraio, 2018


Antonio Torrisi

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

E’ l’ora di accendersi: come una lampadina, un faro o più semplicemente un’idea, fate voi. Ma è l’ora di farlo: con la bacchetta o con il sinistro magico, per Ciccio Lodi è giunto il momento di prendere per mano il Catania.

Chiaro, non dipende certo da un solo uomo il destino di un’intera squadra, ma ciò non toglie che domenica avrà tutti gli occhi addosso: se passi dalla Serie A alla Serie C in sei mesi non può che essere così, d’altronde. Il ritorno in rossazzurro non è stata solo una dimostrazione d’amore incondizionato verso questi colori, ma anche un’assunzione di responsabilità: d’altra parte, da un uomo che riuscì a disegnare la punizione perfetta all’ultima azione all’Olimpico di Torino cos’altro aspettarsi? Che in un momento simile vissuto dal Catania diventi faro e luce per i compagni: non siete d’accordo? Accettare la discesa dal Paradiso all’Inferno senza passare dal Purgatorio (non ce ne voglia Ciccio, ma il paragone fisico con Dante è fin troppo facile) è senza alcun dubbio un incredibile atto di coraggio, ma nonostante le “pressioni” (anche degli avversari), questo è il momento di venir fuori e non farsi trascinare dal nervosismo, e di creare le condizioni per qualcos’altro: un gol, una vittoria, qualcosa in più.

Al Veneziani, come detto, avrà gli occhi di tutti: di Scienza, allenatore del Monopoli, che ha dichiarato apertamente di volerlo “limitare per togliere rifornimenti al Catania”, e di Lucarelli che sta cercando una formula giusta per farlo rendere al meglio: il sinistro deve tornare magico, la mente deve tornare sgombera e la visione, invece, “totale”. Come ad inizio stagione, quando tutti, meravigliati, hanno fatto “mea culpa” per aver dubitato delle sue potenzialità in terza serie: per Lodi è l’ora di accendersi.