Top Player: B come Bucolo…

By
Pubblicato: 10:50 - 6 agosto, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Ma quanti Bucolo ci sono in campo? In tanti ieri seduti sul divano probabilmente avranno esclamato utilizzando queste parole, perchè la prestazione offerta dal numero quattro rossazzurro è una di quelle che difficilmente si dimenticano. E’ vero era Coppa Italia ed è ancora agosto, ma il Foggia è una squadra già attrezzata da mesi per competere in cadetteria, ed un Catania senza i nuovi acquisti ha dimostrato personalità e fame. Proprio la fame e la cattiveria sono le caratteristiche principali di Bucolo che ha incarnato ancora una volta quel concetto sgrammaticato del “sudare la maglia”, intromettendosi nelle trame avversarie, correndo per quattro e recuperando una quantità industriale di palloni.

Del resto il centrocampista etneo è entrato di prepotenza in due dei tre gol messi a segno. Prezioso il recupero del pallone in mezzo al campo per dare l’avvio all’azione che ha portato al gol di Rossetti, e poi monumentale con quell’accelerazione e assist per il definitivo 1-3. Insomma se c’era qualche dubbio sul possibile contributo di Bucolo in serie B, la prestazione di ieri ha dato una risposta netta. Il Catania, così come il suo numero quattro ha vissuto di grinta e determinazione, in trasferta e con gli sfavori del pronostico. Uno spirito indispensabile per fare bene in qualunque categoria, uno spirito che è nel dna di Bucolo.