Catania-Siracusa 2-1: Marotta e Biagianti regalano il quinto centro

By
Pubblicato: 22:24 - 7 novembre, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Catania 4-2-3-1: Pisseri, Calapai (Vassallo), Aya, Silvestri, Ciancio, Bucolo (Angiulli), Biagianti, Scaglia (Manneh), Lodi, Curiale, Marotta A disp.: Pulidori, Fabiani, Lovric, Esposito, Baraye, Rizzo G., Rizzo A., Mujkic, Brodic

Siracusa 4-3-3: Messina, Daffara (Di Sabatino), Turati, Bertolo, Orlando (Fricano Gio ), Palermo, Mustacciolo (Diop), Tuninetti, De Col, Catania (Fricano Gia.,), Vazquez A disp.: Genovese, Boncaldo, Bruno, Celeste, Ott Vale, Da Silva, Rizzo, Fruci

Marcatori: Marotta 46′, Catania 70′; Biagianti 86′

Ammoniti: Bucolo, Tuninetti

Vittoria con brividi per il Catania che al Massimino riesce ad avere la meglio solamente nel finale su un coriaceo Siracusa. Dopo i primi minuti di studio il Catania ha cercato di accelerare i tempi, ma a rendersi maggiormente pericoloso è stato il Siracusa, bravo a sfruttate la verve di De Col, Catania e Vazquez. Prima era il numero nove a sfiorare la rete su una ripartenza causata da un errore di Cianco, poi Emanuele Catania che dal limite sfiorava il bersaglio grosso. In entrambi i casi determinante Pisseri. In mezzo un’occasione per il Catania con una conclusione vlolante di Aya su assist di Lodi neutralizzat da Messina. Ad inizio ripresa i padroni di casa alzano subito la voce, con il passaggio al 3-4-1-2 e soprattutto il gol del vantaggio siglato con diagonale preciso da Marotta su assist illuminante di Lodi. Il Siracusa però non demordeva e trovava la rete del pari con Catania che sfruttava una dormita della difesa etnea e superava imparabilmente Pisseri. La palla del nuovo vantaggio arrivava sui piedi di Lodi, ma dal dischetto il numero dieci si faceva ipnotizzare da Messina. Il forcing degli etnei proseguiva fino al 41′ minuto quando era ancora una volta Biagianti a regalare la gioia ai tifosi etnei grazie ad una giocata veloce di Lodi da calcio d’angolo