Tra l’Europa e lo scontro diretto con la Fiorentina: Catania, il Sassuolo non fa paura

By
Pubblicato: 14:30 - 3 dicembre, 2018


Antonio Torrisi

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.
Dal 2014 inizia a collaborare con diverse redazioni sportivo e non, quali SpazioJuve, Sudpress e Siciliajournal, nutrendo una grande passione anche per la politica e per i suoi relativi meccanismi. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Calcio totale, giovani e tanta voglia di tornare ad assaporare il “clima europeo” dell’Europa League: il Sassuolo di Roberto De Zerbi ormai è una certezza, e non ci sarebbe bisogno neanche di tante presentazioni. Ciò che preme sottolineare, però, è il momento attraversato dalla squadra neroverde, pieno di nubi e incognite rispetto a qualche settimana fa: note da sottolineare e da cerchiare per il Catania di Andrea Sottil che al Mapei Stadium cerca l’impresa.

Sì perché questo Sassuolo non è imbattibile: il bel gioco è rimasto, vero, ma tra infortuni, acciacchi e il calendario di Serie A, la gara di mercoledì può essere giocata ad armi pari. O quasi. E’ chiaro che si tratta sempre di giocatori di categoria superiore, ma la formazione di De Zerbi non vince praticamente da un mese, e in particolare dalla sfida del Bentegodi contro il Chievo: da lì in poi un pari con la Lazio, la brutta sconfitta contro il Parma e un’altra frenata, nella giornata di ieri, contro l’Udinese di Davide Nicola, tra l’altro a reti bianche. Segno che, con l’infortunio di Boateng, qualcosa in avanti si è inceppato. “Tutto qui?”, direte voi: no. Le ambizioni europee del Sassuolo devono fare i conti con quelle degli altri club raccolti tra il sesto e il dodicesimo posto, tutti in tre punti. Dal Torino, insomma, alla Fiorentina, passando per la Roma, il Parma, la Sampdoria e l’Atalanta. E chiaramente i neroverdi.

E domenica, a tal proposito, Berardi e compagni dovranno giocare al Mapei Stadium contro i Viola di Pioli, che in caso di vittoria supererebbero il Sassuolo, attualmente a quota venti, di un punto: per questo motivo la sfida di Coppa Italia contro il Catania potrebbe essere per De Zerbi un ostacolo da affrontare con le seconde linee e con la testa al weekend di campionato. E lì i ragazzi di Andrea Sottil dovranno farsi trovare pronti: anche per i rossazzurri “l’obiettivo principale è il campionato”, come dichiarato dallo stesso tecnico etneo in conferenza stampa, ma l’occasione è troppo ghiotta per ignorarla e, di conseguenza, lasciarsi sfuggire la possibilità di passare il turno e giocare al San Paolo contro il Napoli.