Top Player, Angiulli: allora ci sei…

By
Pubblicato: 10:35 - 6 dicembre, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Federico Angiulli, l’oggetto misterioso del mercato estivo del Catania torna a far parlare di sè, e stavolta lo fa in senso positivo dimostrando che in questi mesi è stato tanto il potenziale inespresso. Il centrocampista rossazzurro ha sfruttato perfettamente la chance in Coppa dimostrando che quando è in palla riesce a far girare la squadra in maniera fluida da vero trottolino utilizzabile da terzo di centrocampo e sulla trequarti. Ecco perchè contro il Sassuolo, nonostante la buona prestazione anche di altri compagni (su tutti Brodic), abbiamo deciso di premiare il centrocampista tuttofare con la palma del migliore in campo.

Mister Sottil ha puntato ancora sul 4-2-3-1 e nonostante si potesse immaginare un Angiulli in versione mezzala, alla fine è stato lui a ricoprire il ruolo di vice Lodi, e con ottimi risultati. L’ex Ternana, infatti non ha fatto rimpiangere il compagno di squadra, dando vita a movimenti simili al numero dieci cercando di farsi consegnare la palla senza rimanere statico sulla trequarti, ma con un tanto dinamismo e rapidità. Sicuramente gli spazi concessi dal Sassuolo sono stati altra cosa rispetto alla densità e impraticabilità della trequarti in Serie C, ma resta la bontà della prestazione del centrocampista etneo.

Angiulli c’è e chissà dunque se e quanto la gara di Coppa possa aver influenzato le decisioni in ottica mercato. Certamente una rondine non fa primavera, ma bisogna riflettere su quello che può garantire il numero sei. Ciò che si è visto fino ad ora è che ha sofferto nella mediana a due, mentre da mezzala nel tridente di centrocampo ha fatto bene, così come ha impressionato da trequartista. Il titolare lì, però, è Lodi, quindi Federico dovrebbe ritagliarsi un posto come prima alternativa. Le qualità non mancano, così come il dinamismo, adesso la palla tocca a Sottil e alla dirigenza per decidere cosa fare con Angiulli.