Toccare il fondo per risalire

By
Pubblicato: 19:00 - 7 Aprile, 2017


Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Mai settimana fu più faticosa: Milano (Lunedì), Roma (Martedì), Massimino (Mercoledì), Lisbona (Giovedì-Venerdì). Questo il tour de force dell’Amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, che in cinque giorni potrebbe aver messo uno, anzi cento mattoni per dare vita ad un futuro più sereno per il club etneo. Tanti fronti, tante battaglie e tante idee per sanare le casse da un lato, e per cercare di ritrovare risultati positivi in campo dall’altro.

Toccare il fondo per poi rialzarsi. E’ questo il pensiero ricorrente in questa settimana di un Catania che sembra aver ritrovato le energie mentali e strategiche per tornare grande dopo la devastazione degli ultimi anni. Proprio di strategie parliamo, perchè per dare avvio ad un processo di ricrescita serve fantasia ed intraprendenza, aspetti che i vertici del Catania e di Finaria hanno dimostrato nella rimodulazione del mutuo di Torre del Grifo (Martedì) ed in alcune operazioni finanziarie che potrebbero risultare decisamente vantaggiose (Lunedì).

Meno pressione sulle casse e ricerca di introiti importanti per impostare il futuro sanando il presente. Un percorso non facile e che necessita di tempo perchè riguarda non solo il Catania, ma tutta la Holding Finaria, che potrebbe anche procedere alla vendita di un immobile per avere ulteriore disponibilità economica. Se a queste operazioni aggiungiamo l’esito positivo dell’incontro portoghese per il caso Rinaudo e la vittoria contro la Virtus Francavilla, beh questa potrebbe davvero definirsi una ‘settimana da Dio’. Ah no, ancora non è finita, c’è la Vibonese da affrontare nel fine settimana, ma ormai che si è fatto trenta…