Adesso testa al campo

Adesso testa al campo
Antonio Torrisi

Parola al campo, testa al campo: tutti insieme. Si spengono i microfoni, mentre le dichiarazioni dell’ex presidente Nino Pulvirenti continuano a risuonare nella mente di tutti: adesso, però, bisogna andare avanti. O meglio, ripartire dalla conferenza stampa e pensare alla prossima gara del Catania, in trasferta a Brindisi contro la Virtus Francavilla.

E bisogna pensarci ripartendo da mercoledì, passando per giovedì e arrivare, poi, a domenica, insieme, senza però fossilizzarsi troppo su dichiarazioni sul passato e sul futuro: “Il piano di ristrutturazione societario, approvato a luglio, è andato a buon fine grazie all’emissione di un bond da parte del gruppo Finaria”. Basta questa, poi si può voltare pagina, mettendo da parte le parole di Pulvirenti: anche perché il calcio va avanti. La ristrutturazione del debito deve essere, anzi, la molla per pensare in positivo alla gara con la Virtus Francavilla e lasciare da parte le ombre degli ultimi anni. Non i campionati: quelli restano. Piuttosto il senso di inquietudine: “il Catania è tornato”, raccontava settimane fa Pietro Lo Monaco, ma per far sì che torni del tutto si deve pensare diversamente, come in passato. Con quella voglia di riscatto che batte la paura: e da mercoledì passiamo a giovedì, e nello specifico ad una notizia che fa eco alla nostalgia dei tempi migliori. La decisione, per intenderci, di far partire i tifosi al seguito del club rossazzurro, direzione Brindisi, senza tessera.

Sono in tanti quelli che ci stanno pensando, in molti hanno già deciso: da giovedì passiamo a domenica, quando si accenderanno i riflettori. Lì bisognerà dare seguito alla vittoria contro il Lecce per proiettarsi in alto: può essere quel trampolino mancato lo scorso anno, sempre con la Virtus Francavilla, pronto a dare la spinta giusta, questa volta, grazie alla voglia di tutti di conquistare i tre punti. Tutti: insieme, senza inquietudine e senza pensare troppo a mercoledì. Perché il futuro può parlare il verbo del Catania.

Antonio Torrisi

Redattore Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.