Camplone: “Non abbiamo recuperato quasi nessuno. Sulle scelte…”

By
Pubblicato: 14:20 - 19 Ottobre, 2019


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo, l’allenatore del Catania, Andrea Camplone, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni alla vigilia di Vibonese-Catania.

LA SITUAZIONE – “Gli infortunati? Non abbiamo recuperato quasi nessuno, Saporetti continua a lavorare a parte come Esposito, Mbende lo portiamo con noi e poi domani vediamo. Non credo che giocheremo con un modulo diverso rispetto al 4-3-3: abbiamo Noce, abbiamo Pino, abbiamo Biagianti che può essere adattato. Vedremo domani, ma non cambieremo modulo. A centrocampo? A Bucolo manca la partita, ma è piccolino e potrebbe non risentirne: ripeto, domani vedremo perché la formazione non è ancora fatta. Di Piazza esterno e Mazzarani mezz’ala? Non sono state eccezioni. Dipende cosa vogliamo fare: se vogliamo correre sì, ma devono correre per giocare insieme Di Piazza e Curiale. Mazzarani mezz’ala lo abbiamo provato in estate, ma girava troppo per il campo non garantendo copertura. Èstata una settimana di cardio questa perché con così tante partite non si può lavorare muscolarmente, quindi non abbiamo cambiato nulla nel nostro lavoro. Catania? Convocato, ma non credo giochi.”

AVVERSARIO E ATTEGGIAMENTO – “La Vibonese? Modica lo conosco molto bene, è uno zemaniano e questo dovrebbe essere l’ideale perché favorisce lo spettacolo. Siamo quattro mesi che giochiamo con il 4-3-3 e quindi ci alleniamo contro un 4-3-3, raramente contro un 3-5-2: conosciamo tutto di questo modulo. È normale che se a una partita di calcio togli la cattiveria e la positività non va bene. Andiamo a giocarci una partita di calcio: mi aspetto delle risposte, una squadra che rispetta ciò che abbiamo preparato e spensierata perché ci sarà una serie di partite in casa che possiamo sfruttare. Uno dei problemi in trasferta è che tiriamo poco, anche per quel che riguarda le punizioni dal limite. La squadra fuori casa è tutt’altra squadra: non gioca. È una questione di atteggiamento.”

SU LODI – “Lodi spostato? Non ci penso, perché se dovessi cambiare posizione a lui fuori casa dovrei cambiarla a tutti perché non ho visto giocatori che hanno giocato bene in trasferta. Non ho mai avuto giocatori cani in quel ruolo, ma sempre giocatori bravi ad impostare. Lodi è uno di questi. Sono gli altri che si devono adattare a fare più legna, non possiamo avere undici architetti.”

SUI REINTEGRI – “Perché Bucolo, Biagianti e Marchese reintegrati? Non posso rispondere io, ma deve rispondere la società perché è stata una scelta della società. Sicuramente il loro rientro ha fatto bene perché nessun compagno era contento che fossero fuori.”