Centrocampo: novità, riconferme e ricerca della verticalizzazione, anche se…

By
Pubblicato: 10:18 - 29 Agosto, 2018


Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Davanti ad una difesa solida ed intraprendente, il Catania ha deciso di puntare con forza su un centrocampo dinamico e dotato di grande tecnica. Una scelta probabilmente dettata dall’incognita relativa alla categoria e che ha portato la dirigenza ad affidarsi ad elementi competitivi in cadetteria e di livello assoluto in terza serie.

Il 2-3 sembra essere la scelta prioritaria, ma attenzione anche alla linea a cinque che potrebbe rappresentare un’alternativa importante come ammirato in quel di Foggia. Le conferme di Biagianti, Rizzo e Bucolo garantiscono quel dinamismo e quella fisicità necessarie per una diga robusta e intelligente, mentre Lodi è il jolly che può agire sia da fantasista che da play maker. A lui sono destinate le verticalizzazioni, con Angiulli che potrebbe essere la sorpresa  grazie alla sua tecnica e la sua capacità di inserirsi senza palla.

Attenzione poi alle frecce mancine. La freschezza di Manneh e la classe e l’esperienza di Llama rappresentano il grimaldello giusto per scardinare le difese avversarie, con quest’ultimo che potrebbe incarnare finalmente il tiratore dalla distanza che spesso è mancato ai rossazzurri. La ciliegina, infine, si chiama Scaglia. L’ex Parma può agire in svariati ruoli della mediana, soprattutto sugli esterni, diventando l’alternativa principale a Barisic. L’unico dubbio è rappresentato dall’alternativa a Lodi sulla trequarti. Potrebbe essere Angiulli, anche se non è un vero fantasista, oppure attenzione al mercato, anche se la lista degli over impone una cessione per poter operare in entrata.