Curiale bomber 2018, ma oggi alla ricerca del gol perduto

By
Pubblicato: 10:18 - 3 Gennaio, 2019


L’inizio di un nuovo anno, coincide per forza di cose con i buoni propositi, ma anche con i bilanci di quello passato. Ed è così anche per chi di mestiere deve far gol, chi vive per insaccare palloni portando punti alle proprie squadre.

E alle pendici dell’Etna, un attaccante che nell’ormai scorso anno di reti ne ha fatte abbastanza c’è stato e c’è ancora: si tratta di Davis Curiale.
La punta ex Trapani ha chiuso il suo 2018 con esattamente 10 reti e 5 assist in 39 presenze, in un totale di 2.497 minuti giocati, con 28 presenze dal1′. Per correttezza, però, bisogna dividere lo stesso anno in due parti, poichè comprende segmenti di due stagioni diverse: delle 10 reti messe a segno da Curiale, 7 sono arrivate con Lucarelli in panchina (comprese le gare di play-off), per intenderci; e ci si rende subito conto della inflessione della stagione corrente rispetto alla seconda parte di quella passata. La motivazione? Verrebbe apparentemente facile trovarla magari nel minor minutaggio dovuto alla convivenza “forzata” con Marotta, cadendo in errore.

Già, perchè la differenza tra i minuti giocati da fine gennaio ad inizio maggio e quelli accumulati dalla prima gara in campionato con Sottil in panchina fino ad oggi, è di solo 3′: 1.023′ con Lucarelli, contro i 1020 con il tecnico ex Livorno (esclusi play-off e gare di Coppa).
Saranno magari di meno le volte in cui è partito dal 1’? Nemmeno, perché le occasioni da titolare sono state quasi identiche, con 12 partenze da titolare concesse da Lucarelli, e 11 da Sottil; non si tratta di minutaggio e neanche di incompatibilità con Marotta, in quanto due dei tre gol siglati finora in stagione sono arrivati con il “diablo” in campo, ormai quasi due mesi e mezzo fa.
Ma del resto si sa, gli attaccanti sono spesso così: vivono ancor più degli altri l’alternanza di periodi positivi e negativi; vuoi per il momento di forma, vuoi per il gioco della squadra, certe stagioni quel pallone entra dentro con un soffio, in altre neppure spinto verso la rete da un trattore.

Ma oggi scatta ufficialmente il mercato di riparazione, ed è lapalissiano chiedersi: Davis Curiale, i cui numeri dicono tanto, rientra nei progetti tecnici di Sottil? Dalle ultime uscite sembrerebbe di sì, ma sono tante le considerazioni da fare ora che sta un po’ rallentando, giunti ormai a gennaio…
Una su tutte riguarda proprio la concorrenza in rosa, poiché da quando i rossazzurri sono passati al 4-3-3, il bomber ex Trapani ha trovato la maglia da titolare con l’adattamento di Marotta sull’esterno: le cose potrebbero cambiare nel momento in cui, con ogni probabilità, arriverà il tanto agnognato esterno offensivo di spessore; l’ex Siena ritornerà al centro dell’attacco, con Curiale che accetterà la panchina?
Per adesso possiamo solo aggrapparci ai suoi numeri, non dimenticare ciò che di ottimo ha fatto nel suo primo anno “etneo”, e dire che se Sottil vorrà riportarlo definitivamente al ruolo di prima punta, potremmo magari tornare ad ammirare il Curiale da un gol ogni due partite.