Dal 17 al 24: il silenzio della tranquillità?

By
Pubblicato: 18:06 - 20 Giugno, 2019


Scorrono i giorni in questo preambolo d’estate, qualcuno conta le settimane prima delle ferie, qualcuno pensa al calciomercato, ma intanto sul calendario c’è una data più imminente delle altre: 24 giugno. Per i non tifosi forse un giorno qualunque, diversa importanza, invece, ha per chi è legato a fede calcistica, una fede che proprio in questa data potrebbe essere messa in crisi. Come abbiamo ricordato in diverse occasioni (https://catanista.eu/iscrizione-entro-il-24-giugno-cosa-serve-al-catania/ ) quest’anno i parametri per poter iscrivere il club in Serie C sono molto più complessi ed impegnativi, soprattutto per quanto riguarda l’ormai famosa P/A che sarà un banco di prova impegnativo per molti club. Entro il 31 maggio, infatti, doveva essere depositato presso la Co.Vi.So.C il prospetto contenente l’indicatore di Patrimonializzazione (P/A) che doveva rispettare una misura minima di 0,15 unità di Patrimonio per ogni unità di Attivo. Un adempimento abbastanza impegnativo che abbiamo cercato di spiegare in tempi non sospetti (https://catanista.eu/lo-monaco-parla-di-p-a-ecco-di-cosa-si-tratta/ ) e la cui contestazione sarebbe dovuta avvenire il 17 giugno.

Ad oggi non è trapelata alcuna notizia circa un’eventuale contestazione da parte della Co.Vi.So.C, ma ciò che si percepisce attraverso il silenzio è che, nonostante una difficoltà di fondo figlia del recente passato espressa anche in conferenza stampa dal direttore Lo Monaco, l’iscrizione non dovrebbe essere a rischio. La relativa tranquillità nasce dal fatto che alcune operazioni effettuate da Finaria, in primis la cessione degli alberghi ad Alpitour, abbiano permesso di guardare con cauto ottimismo al primo step di una stagione che si prospetta incandescente sotto tanti punti di vista. Insomma la proprietà starebbe facendo la propria parte ed entro il 24 anche eventuali problematiche potrebbero essere risolte, ma rimaniamo in attesa di comunicazioni ufficiali, con la consapevolezza che tante squadre potrebbero essere in crisi ma che anche altre, poche a dire il vero, sono già pronte ai blocchi di partenza. Attendere lunedì prossimo con la consapevolezza che la stagione parte con delle priorità, e contestualmente all’iscrizione c’è quella del nuovo tecnico, elemento fondamentale su cui imperniare l’ossatura di un organico che verrà sostanzialmente trasformato.