Defendi (capitano Ternana) a Catanista: “Domenica gara diversa dalla Coppa. Campionato aperto”

By
Pubblicato: 22:04 - 20 Febbraio, 2020


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Intervenuto nel corso della puntata odierna di Catanista News, il capitano della Ternana, Marino Defendi, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

IL MOMENTO – “Momento particolare? No, secondo me si sono creati problemi dove non esistono, nel senso che capita a tutti avere un momento di scarsa lucidità. Però ci siamo e siamo pronti ad affrontare questo match. Sicuramente non sarà la partita vista in Coppa Italia, sarà un’altra partita in cui il Catania cercherà di far sua la sfida sin dai primi minuti, noi comunque cercheremo di andar giù e dir la nostra, cercando comunque di fare una buona prestazione per portare a casa più punti possibili.”

CLIMA PARTITA – “Nervosismo al termine della gara di Coppa? Sì, vero, è finita così, ma penso anche perché era l’unica chance per il Catania di passare il turno e avendo fatto comunque una gran partita, mettendomi nei panni del Catania, finire con uno 0-0 sicuramente crea un po’ di rammarico e l’eccesso di nervosismo ci può stare. Penso che comunque domenica sarà una partita maschia, ma non avrà nulla a che vedere con il nervosismo degli ultimi minuti del match di Coppa. Sarà una partita dura perché il Catania ha un’ottima squadra.”

STAGIONE – “Il campionato sicuramente è ancora aperto perché è capitato anche in passato che ci siano sorprese nel finale: per me non è ancora detta l’ultima parola. Noi avremo una settimana importantissima: dopo Catania abbiamo il Bari e quindi sarà una settimana da prendere nella giusta maniera per non inciampare.”

UNO SGUARDO AL PASSATO – “Cosa ho provato per l’Atalanta? Da tifoso, perché ho sempre tifato Atalanta essendo di Bergamo, è stato emozionantissimo, sono contento per tutti i tifosi dell’Atalanta che si stanno godendo questo sogno.”