Infermeria da svuotare tra Lodi, Ripa e Caccavallo…

By
Pubblicato: 19:16 - 11 Maggio, 2018


Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Venti giorni di riposo, venti giorni per ricaricare le pile mentalmente, ma soprattutto per recuperare alcune pedine importanti rimaste in infermeria. Su tutti Francesco Lodi, il numero dieci che ha saltato gli ultimi due impegni di campionato e che, salvo sorprese, sarà a disposizione per l’esordio nei play off. La sua esperienza e la sua tecnica saranno certamente valori aggiunti che poche squadre possono vantare.

A scalpitare poi c’è Caccavallo. Nel 3-5-2 potrebbe giocare da esterno a tutta fascia, ma essendo reduce da un lungo infortunio, forse sarebbe più opportuno pensare ad un apporto lento e gradiale. Partire dalla panchina per cambiare il volto della partita in caso di necessità e permettere la trasformazione in 4-3-3. Per adesso Caccavallo può garantire questo, ma (facendo gli scongiuri) il sedici giugno è ancora distante.

Poi c’è il capitolo Ripa. Il recupero dell’ex Juve Stabia è condizionato non solo dalle condizioni fisiche, ma anche psicologiche visto il rendimento non certo soddisfacente fatto registrare per tutta la stagione. Chissà che in questo caso ad essere determinante più che lo staff medico non siano i mental coach che si dedicheranno al recupero sotto il profilo psicologico. Insomma tante pedine da ritrovare, oltre ad alcuni giocatori che devono recuperare la migliore condizione come Tedeschi, Bogdan, Fornito e Marchese. Una sosta benefica in cui ogni dettaglio deve essere curato con precisione e attenzione…