“La maledizione”: Gaetano Auteri, un autentico conto aperto con i rossazzurri…

By
Pubblicato: 19:28 - 9 Novembre, 2018


Il Catania non ha la certezza di vincere“. Esordiva così Gaetano Auteri qualche mese fa, rispondendo a chi dava gli etnei come super favoriti per la corsa al primo posto. Una considerazione azzeccata, soprattutto quando sei consapevole di trasformarti in autentica “bestia nera” quando vedi rossazzurro.

Il tecnico nativo di Floridia, oggi alla guida del Catanzaro, va sicuramente annoverato tra i peggiori tabù del Catania; otto gli incroci in campionato finora registrati tra le due parti, che raccontano un solo successo etneo, tre pareggi e quattro vittorie per Auteri, ottenute quasi tutte con squadre diverse. Una sfida iniziata addirittura più di 14 anni fa, se si considera anche quel Ragusa-Catania 1-1 nell’anno, il 1995, che segnò il ritorno dei rossazzurri tra i professionisti. Unico superstite della “maledizione” il Catania di Rigoli,  che due anni fa batté il Matera per 2-0. Una tradizione curiosa, soprattutto se si pensa che lo stesso Auteri è stato accostato numerose volte alla panchina etnea.

Al bilancio dei risultati da allenatore, bisogna anche aggiungere quelli da giocatore e…la musica non cambia: quattro incroci, una vittoria e nessuna sconfitta.

Insomma, statistiche che intimoriscono ma che fanno ben sperare i sostenitori della legge dei grandi numeri. Esiste, tuttavia, un antidoto per il “veleno” Auteri, e lo possiede proprio Andrea Sottil: in cinque scontri diretti tra i due tecnici, l’attuale allenatore del Catania non ha mai perso, vincendo tre partite.

In ogni caso il passato non conta più e la sensazione è che, domenica alle 14.30, in un modo o nell’altro, la “cabala” verrà spezzata.