Lucarelli a Speciale Coronavirus: “In 7-8 fuori Catania, il resto a TdG. Ho parlato con Astorina…”

By
Pubblicato: 10:51 - 20 Marzo, 2020


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Intervenuto ai microfoni di “Speciale Coronavirus”, andato in onda su Telecolor, mister Cristiano Lucarelli ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“In sette-otto tra i giocatori sono fuori Catania, tutti gli altri sono rimasti a Torre del Grifo. Ci sentiamo provando a fare qualcosa nei limiti del possibile, con la consapevolezza che adesso il calcio passa in secondo piano di fronte alla salute. Mercoledì mi ha chiamato il nuovo presidente Astorina: è stata una chiacchierata veloce, ho ricavato un’ottima impressione. La situazione è molto difficile, mi auguro che queste tre persone riescano a trovare una soluzione che possa garantire il futuro ai tifosi, alla città, ma soprattutto alle tante persone che lavorano con il Calcio Catania, quindi mi auguro che queste tre persone, presidente, vicepresidente e amministratore delegato riescano a dare una soluzione che salvi il calcio e la matricola a Catania perché la città vive in simbiosi con la squadra, e sarebbe bello trovare una soluzione perché sarebbe importante sia dal punto di vista sportivo che sociale. Il Coronavirus? Ci viene chiesto di stare a casa, non ci fa nemmeno male. Secondo me sarebbe stato meglio mettere dei paletti chiari fin da subito, come accaduto in Cina. Senza cadere in equivoci.”