Lucarelli-Rigoli: il passato contro il presente tra 3-5-2 e 4-3-3

Lucarelli-Rigoli: il passato contro il presente tra 3-5-2 e 4-3-3
Stefano Auteri

Cristiano Lucarelli contro Pino Rigoli. Sarà questo il primo confronto della prossima stagione con uno strano incrocio per il Catania che al Massimino dovrà affrontare il suo ex tecnico. Da una parte il passato, dall’altra il presente e futuro con idee tattiche poi non così distanti come sembra. Rigoli lo conosciamo bene: attenzione massima alla fase di non possesso e ripartenze in contropiede. Lucarelli considera il possesso palla utile per il recupero, ma in fase offensiva predilige le verticalizzazioni immediate ed il movimento senza palla.

Due filosofie simili per quanto riguarda l’equilibrio, ma diverse se si pensa alla voglia di aggredire l’avversario. È vero lo scorso anno non c’era un Lodi e la squadra era stata ricostruita interamente, ma forse Rigoli non ha mai creato quel feeling con la piazza e con lo spogliatoio indispensabile per raggiungere grandi traguardi. Forse una differenza è proprio rintracciabile nel carisma. Lucarelli, da ex giocatore di grande livello, gode di un  credito a priori all’interno dello spogliatoio, aspetto che non poteva essere riferito a Rigoli, e da questa prima parte del ritiro è emersa proprio la capacità comunicativa e la forza caratteriale del mister livornese.

In più l’atteggiamento forte del tecnico livornese non lascia inermi ed è accostabile a tanti ex allenatori rossazzurri presenti nell’epoca Lo Monaco. 3-5-2 per il Catania contro il 4-3-3 della Sicula Leonzio che può anche pensare di schierarsi a specchio (basti pensare al Catania di Rigoli contro il Matera), ma forse rischierebbe di subire la maggior esperienza e qualità degli etnei nell’uno contro uno. Certamente un nodo cruciale saranno gli esterni, con il Catania che cercherà di arrivare sul fondo con continuità per sfruttare il peso della prima punta, mentre i bianconeri proveranno ad arginare e ripartire con le imbucate degli attaccanti. Insomma una gara stuzzicante e dai tanti risvolti che potrebbe entusiasmare il pubblico siciliano.

Stefano Auteri

RESPONSABILE Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia. In radio mostra una conduzione elegante e professionale.