Mercato Catania: la prossima settimana si fa sul serio, ma senza rivoluzioni

By
Pubblicato: 21:59 - 3 Gennaio, 2019


Antonio Torrisi

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Trentasette punti in diciotto gare, con una in meno: tutto questo nel girone d’andata, più la prima di ritorno. E un secondo posto dietro ad una squadra che sta volando, siglando e “firmando” record su record: la classifica parla chiaro. E di conseguenza, anche rispetto alle premesse di appena un mese fa, il mercato del Catania non sarà un mercato improntato sulla rivoluzione.

Questo quanto raccolto dalla nostra redazione: la società rossazzurra ha le idee chiare, idee consolidate anche dalle prestazioni dell’ultimo periodo di campionato, che hanno ridato “valore” ad alcuni giocatori che, fino al mese di novembre, hanno avuto “difficoltà ad ambientarsi”, come affermato ai nostri microfoni dall’amministratore delegato etneo, Pietro Lo Monaco. I risultati positivi hanno spinto il Catania ad effettuare diverse rilfessioni sulle potenzialità dei propri giocatori, già viste nel mercato estivo: Luca Calapai è tornato ad essere centrale nel progetto tecnico di Andrea Sottil, così come il “redivivo” Federico Angiulli, oggetto di valutazione fino a centottanta minuti fa.

Ciò che è certo, però, è che il mercato rossazzurro entrerà nel vivo dalla prossima settimana, con i primi colpi: le entrate dovrebbero prevedere un arrivo per reparto, ma con un occhio alle spese. Il calciomercato invernale non è mai semplice, in particolare in Serie C: ma il Catania “non lascerà nulla d’intentato”. Gli obiettivi? L’esterno offensivo e la mezzala capace di inserirsi: nomi già noti alla società e pronti per essere presi. Mentre la dirigenza farà ulteriori valutazioni sia per la corsia laterale di difesa, che per quei giocatori che nella prima metà di stagione non hanno offerto garanzie dal punto di vista fisico.