Mercato: il borsino della rosa. Chi resta e chi va…

By
Pubblicato: 18:55 - 6 Giugno, 2019


In attesa di capire quale sarà la piega che prenderà il Catania dal punto di vista dirigenziale, proviamo a capire quale sarà il futuro del comparto tecnico, con una rosa che non ha dimostrato il suo valore e che quindi potrebbe essere decisamente rinnovata.

Partiamo dalla difesa:  i riconfermati dovrebbero essere Calapai che ha un contratto fino al 2022, e Silvestri (2021), mentre per Baraye, che è arrivato in prestito con diritto di riscatto, il futuro rimane un punto interrogativo nonostante ci siano buone possibilità di rivederlo al Massimino. Ancora più incerto il destino di Valeau che potrebbe tornare alla Roma, nonostante un potenziale accordo di rinnovo del prestito con i capitolini. Pisseri, Esposito e Lovric non dovrebbero essere riconfermati, così come Marchese che è sulla via del ritiro; mentre un vuoto enorme potrebbe essere lasciato da Aya, in scadenza e difficilmente riconfermabile.

In mediana potremmo rivedere ancora Bucolo (2020) e Biagianti (probabilmente non più da titolare), mentre Carriero tornerà a Parma dopo il prestito, Llama presumibilmente andrà in Sud America ed Angiulli verrà lasciato andare nonostante il contratto triennale. Più complicato il discorso relativo a Rizzo (2021), che potrebbe ancora essere utile, e Lodi il cui contratto scadrà nel 2020 ma che dovrà rientrare nell’idea di gioco del tecnico, senza equivoci tattici. 

In avanti sono tanti i giocatori che non hanno convinto. In primis Curiale e Marotta. Il primo ha rinnovato a fine agosto, il secondo ha sottoscritto un triennale, ma entrambi non sono sicuri del posto. L’ex Siena è inseguito dal Como e da altre due formazioni di C, mentre per Curiale bisognerà sondare il mercato. Si punterà ancora su Manneh e su Brodic, così come su Liguori e sugli altri giovani, ma soprattutto su Matteo Di Piazza. Attenzione al capitolo Sarno (2021) che dovrà però dimostrare di essere pronto per fare la differenza e soprattutto integro fisicamente, mentre bisognerà capire il da farsi con i rientranti Rossetti e Barisic, con quest’ultimo che difficilmente verrà riscattato dal Padova visto che non è mai stato convocato.