Mercato: tanti cambi, rivoluzione ponderata?

By
Pubblicato: 19:30 - 19 Giugno, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Dopo il secondo posto in classifica e la semifinale play off quanto deve cambiare l’organico del Catania? E’ questa la domanda che si pongono tifosi e addetti ai lavori ipotizzando ciò che potrà succedere tra qualche settimana in sede di mercato. La formazione rossazzurra, infatti, è reduce da un campionato importante, ma non perfetto con alcune cose positive ed alcuni aspetti che hanno destato perplessità,  e dunque la rosa è da rivoluzionare o semplicemente sistemare?

Guardando la situazione contrattuale dei giocatori rossazzurri e considerando le dinamiche di mercato la sensazione è che saranno almeno 8/9 i giocatori a lasciare il capoluogo etneo, 4 dei quali facenti parte più o menostabilmente della formazione titolare. Necessità (fare cassa) abbinata ai punti interrogativi generati da alcuni giocatori di primo livello per questa categoria che però non hanno rispettato le attese. Certamente, però, cambiare tanto implica un ennesimo dubbio riguardante il dover riallestire la rosa.

Sicuramente l’impatto del mercato sarà meno imponente rispetto a quanto successo lo scorso anno, quando il Catania fu ribaltato totalmente, ma sarà indispensabile trovare il giusto mix fra continuità ed innesti. Alcuni elementi nuovi potrebbero essere dei cavalli di ritorno, Caccetta e non solo (occhio alla difesa), altri potrebbero essere dotati di quella giusta esperienza per calarsi immediatamente in un contesto nuovo. Qualunque decisione, comunque, dovrà essere ponderata e presa con la massima lucidità, considerando sempre che il mercato di Serie C è diverso rispetto a quello delle categorie superiori, e nella terza serie i grandi cambiamenti sono assolutamente scontati.