Nota del sindaco Pogliese su Tacopina e stadio Massimino

Nota del sindaco Pogliese su Tacopina e stadio Massimino
Antonio Torrisi

Tramite una nota sulla sua pagina facebook, il sindaco di Catania, Salvo Pogliess, ha fatto il punto sulla questione legata allo stadio Massimino e sulla trattativa SIGI-Tacopina.

“Ognuno faccia la propria parte, con serietà, rigore e lasciando per il bene del Calcio Catania facili entusiasmi o improvvise depressioni.
Non è il momento.

L’Amministrazione, come promesso, lavora perché il Massimino sia pronto ad accogliere, come ci auguriamo, uno spettacolo fruibile dagli sportivi catanesi, in un quadro gestionale moderno e che faciliti gli investimenti delle società sportive, che “restituiscano” come controvalore alla Città risorse, immagine e indotto, oltre a certezze sulla manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto.

Partiamo per questo dal fondamentale atto di indirizzo politico che oggi la Giunta ha approvato per l’esternalizzazione della gestione dello stadio Angelo Massimino, da condividere poi con il Consiglio comunale, che andrà finalizzato attraverso procedure a evidenza pubblica, nella massima trasparenza.

È il primo passo, significativo, nella direzione di una modernizzazione gestionale degna di una grande Città come Catania e, speriamo presto, di una grande squadra di calcio, patrimonio di tutti.

Ringrazio l’Assessore allo Sport Sergio Parisi e la Direzione Sport e Politiche Comunitarie, per il lavoro di questi mesi e per quello che si sta pianificando anche dal punto di vista infrastrutturale per il Massimino.

Incrociamo le dita per una celere (e seria) risoluzione della trattativa per la cessione del pacchetto azionario del Calcio Catania; trattativa in mano a bravi professionisti, da una parte e dall’altra, che non potranno che operare nella salvaguardia dell’interesse generale di tutti i Catanesi.”

Antonio Torrisi

Redattore Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League. Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.

Lascia un commento