Scocca l’ora di Curiale: contro il Matera tocca a lui

By
Pubblicato: 20:53 - 26 Novembre, 2018


Antonio Torrisi

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Il lato positivo di avere una rosa lunga è anche questo: poter affrontare diversi impegni in pochi giorni con giocatori pronti a far bene. E’ il caso del Catania di mister Andrea Sottil che, dopo la sfida vinta in casa con la Reggina, in vista della gara contro il Matera può permettersi di alternare ad un attaccante Top per la categoria come Alessandro Marotta il capocannoniere dello scorso campionato, Davis Curiale.

E Davis è pronto, e scalpita: non esistono dualismi o rivalità, tra lui e Alessandro, e si è visto. D’altra parte, è stato proprio mister Sottil, venerdì, a definirli “compatibili in un altro sistema di gioco”, viste le diverse caratteristiche: ma il presente parla il verbo del 4-2-3-1 e dell’equilibrio ritrovato, quindi anche dell’unica punta in campo. Quindi spazio a Curiale, che contro la formazione di Imbimbo dovrebbe tornare dall’inizio: e prima della sosta, anche se per adesso il gioco di Sottil sembra necessitare di un elemento più dinamico come Marotta, la sfida del “XXI Settembre” diventa un’opportunità per lanciare messaggi importanti.

In primis per ricordare a tutti quanto fatto lo scorso anno, poi per “mettere in difficoltà” (in senso positivo, chiaramente) il mister in vista dell’ennesimo tour de force che si aprirà con la gara di Coppa Italia contro il Sassuolo. Davis Curiale è pronto: domani toccherà a lui.