Sottil: “Sarno non si è allenato e non sarà della partita, Marotta ha avuto l’ok dai medici”

By
Pubblicato: 18:00 - 9 Febbraio, 2019


In conferenza pre partita a Torre del Grifo, Sottil ha anche parlato dei singoli, con particolare attenzione agli acquisti di gennaio:

“I nuovi arrivati si sono assimilati con gli altri in rosa. Dal punto di vista fisico non tutti stanno bene, Sarno ha avuto un forte fastidio muscolare e non poteva essere utilizzato domenica scorsa, questo lo dico per aiutare anche voi giornalisti a fare informazione corretta. Purtroppo anche questa settimana non ha potuto fare allenamenti ma rimane un risentimento non di grande entità, domani sarà assente. E’ un problema ad un muscolo particolare. Quando è arrivato lo abbiamo messo in campo in coppa, e avevamo concordato un minutaggio perché bisogna correre il “rischio” facendolo giocare, altrimenti in forma non ci entra.

Marotta ha avuto l’ok dall’otorino e ha fatto una settimana di lavoro standard senza mai fermarsi, sta bene ed è a completa disposizione.

Marotta e Di piazza sono fondamentalmente due seconde punte, loro hanno quasi sempre giocato in coppia con qualcun altro. Di piazza a foggia si accentrava, ma anche Davis è una seconda punta.

Carriero fa parte di quei giocatori che arrivando a gennaio possono trovare delle difficoltà fisiche, ma è comunque abbastanza avanti fisicamente, è possibile che cominci la partita come successo a Siracusa. Il rischio è sempre che arrivi il rimbalzo negativo del non aver giocato nella prima parte di stagione: anche Bianchimano, Chiricò e Palumbo si sono fatti male…

Manneh è un giocatore di grandissima velocità, all’inizio era un po’ disordinato tatticamente. Però dall’altro lato questo aspetto è anche la sua forza, perché diventa spensierato. E’ assolutamente u  giocatore che porta cose importanti alla squadra, anche a partita in corso perché si guadagna punizioni e fa ammonire gli avversari.

Curiale? Viene da un’ottima annata, lo vedo voglioso e positivo. E’ un giocatore che ha sempre giocato, ma non trovando il gol ogni attaccante rischia di entrare in un vortice negativo, ma lo vedo comunque concentrato e caparbio. Certo per il posto da titolare lo sa che siamo a Catania e dunque la concorrenza c’è sempre, sono sicuro che uscirà da questo momento perché si allena sempre con un bell’atteggiamento”.