Top Player: Capanni inventa, il gruppo è IL motore trainante

Top Player: Capanni inventa, il gruppo è IL motore trainante
Stefano Auteri

Il passaggio del turno conquistato dal Catania grazie alla vittoria sulla Virtus Francavilla ha i contorni dell’impresa, perchè ad essere ricordate non devono essere solo le promozioni o le stagioni esaltanti, ma a volte anche una singola prestazione piena di orgoglio, in antitesi rispetto ad una situazione devastante, può rimanere impressa. Chiarito questo aspetto, adesso, l’impresa più ardua spetta a noi nel dover decretare un migliore in campo difronte ad una prestazione complessiva davvero positiva. Banale, ma doveroso, premiare il gruppo, vero motore trainante di una gara in cui i muscoli hanno lasciato spazio alla forza mentale ed in cui la coesione ha garantito lucidità e consapevolezza fino al novantesimo. Non per niente il Catania non molla mai, ed è la squadra del girone che ha conquistato più punti dopo essere passata in svantaggio.

Adesso passiamo ai singoli e, se è vero che Biondi ha segnato e corso finchè i crampi non hanno avuto il sopravvento, se è vero che Pinto ha siglato uno dei gol più belli della storia rossazzurra, è altrettanto vero che ai fini del gioco offensivo e del risultato finale il nostro migliore in campo è il giovane Capanni. In tanti si chiedevano quanto potesse pesare l’assenza di Di Molfetta, ma già dai primi minuti l’esterno scuola Milan ha fatto capire che ieri il palcoscenico era suo e aveva l’intenzione di lasciare il segno. Intraprendenza, personalità e costante ricerca dell’uno contro per creare la superiorità numerica, ma senza mai produrre fumo inutile e perdere palloni semplici. Del resto l’idea di Lucarelli era chiara un esterno (Biondi) dedito all’aggressione della profondità, mentre l’altro (Capanni) pronto a farsi dare palla e inventare.

Due tiri in porta, l’assist che ha prodotto il rigore e una pressione che ha letteralmente neutralizzato Nunzella, impegnato più a difendere che a spingere. Capanni nell’uno contro uno è certamente uno dei prospetti più interessanti vista l’età (appena diciannove anni) a livello nazionale, ma ad impressionare sono soprattutto la sua intraprendenza ed il suo coraggio. Capanni il migliore ed il trascinatore, gli altri tutti concentrati, determinati e lucidi; del resto la vittoria di ieri non la si ottiene da soli, ma solamente supportandosi l’un l’altro per diminuire il peso dei problemi e delle amarezze.

Stefano Auteri

RESPONSABILE Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia. In radio mostra una conduzione elegante e professionale.