Top Player: Russotto e il gol ritrovato

By
Pubblicato: 17:29 - 30 Aprile, 2018


Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Un aspetto positivo nella sconfitta di Matera? Andrea Russotto. Il numero sette tornato titolare dopo lunghe settimane di panchina è sembrato vicino ai livelli che gli competono, e nonostante la disfatta generale è stato uno dei pochi a dimostrare il suo valore. Lucarelli ha deciso di schierarlo da primo minuto con un centrocampo robusto e Andrea Di Grazia sulla fascia opposta, rispolverando il più classico dei tridenti offensivi che per la prima mezz’ora ha messo in netta difficoltà la difesa avversaria.

Fantasia, intraprendenza e gol. Russotto si è distinto non solo per la capacità di creare la superiorità numerica, ma anche per essere tornato sul taccuino dei marcatori, una rete che era stata cercata con insistenza nelle ultime giornate e che adesso è stata ritrovata. Peccato per lui che tutto ciò sia stato inutile.

La sconfitta figlia della sfida del Massimino contro il Trapani ha lasciato l’amaro in bocca, ma dovrà soprattutto fungere da monito in ottica futura. I play off sono ormai alle porte e poco importa se il Catania concluderà la stagione secondo o terzo, per carità sicuramente garantirebbe il superamento di un turno senza giocare, ma è importante infondere un pensiero: il Catania deve essere più forte di tutti, anche delle proprie paure. Perciò forse è giusto affrontare i problemi come Russotto affronta le difese, a testa alta senza paura e con la convinzione di poter fare male a chiunque.