Top Player: una mano dal destino grazie a Buena Suerte

By
Pubblicato: 17:43 - 13 Dicembre, 2018


Stefano Auteri

Stefano Auteri

RESPONSABILE

Abile penna motivata e passionale, muove i primi passi con siti nazionali votati al Calciomercato. Oggi è responsabile di redazione, editorialista nonchè collaboratore anche con testate nazionali come GQ Italia.
In radio mostra una conduzione elegante e professionale.
Stefano Auteri

Ci sono fantasisti che decidono le partite con invenzioni illuminanti, ci sono attaccanti che sfondano la rete e c’è la buona sorte. Un fattore incomprensibile, poco analizzabile e prezioso soprattutto in partite come quella del Massimino contro la Virtus Francavilla in cui pochissimi giocatori con la casacca rossazzurra si sono resi protagonisti di una prestazione positiva. Il migliore in campo per forza di cose è stato Buena Suerte, attaccante brasiliano o portoghese, fate voi, che ha risolto il match intervenendo in maniera plateale sul cross di Marotta.

La fortuna aiuta gli audaci si sa, ma il Catania più che audace sembra essere speranzoso e pronto fino all’ultimo a sfruttare l’occasione giusta. Un pregio questo, certamente, che però non compensa l’assenza di gioco ed incisività vista contro la Virtus Francavilla o la mancanza di continuità dimostrata in altre circostanze. Buena Suerte continua a segnare e ad aiutare un Sottil che ha cercato nuovamente una mossa a sorpresa con il 4-2-4, ma senza ottimi risultati, scontrandosi con l’apatia degli esterni ed una manovra troppo lenta e prevedibile.

Una mano, in tutti i sensi, importante donata dal destino ma non ci si può sicuramente affidare solo ed esclusivamente ad esso in un campionato così lungo e complicato. Certamente è utile e forse rappresenta la buona stella di Sottil che può sfruttare anche lei nel suo arsenale, ma almeno da gennaio in poi servirà più concretezza e prolificità in fase offensiva. Da adesso fino al termine di dicembre bisogna prendere il massimo che viene e se a fornirlo sarà la fortuna, per adesso bisogna accontentarsi, con la consapevolezza che ognuno è artefice del proprio destino e nulla arriva per caso.