Tutti utili… tutti indispensabili

By
Pubblicato: 15:56 - 22 Marzo, 2019


Antonio Torrisi

Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Tutti utili… tutti indispensabili. In barba ai fautori del “nessuno indispensabile”: nel Catania di Novellino non si può fare a meno di nessuno, e questo è già un passo in avanti. Sentirsi importanti nel progetto tecnico è fondamentale per raggiungere traguardi prestigiosi: lo sa l’allenatore rossazzurro, lo sanno i giocatori.

Lo sanno anche, tra tutti, Davis Curiale e Federico Angiulli, già provati da Novellino al suo esordio in panchina contro il Potenza, ma mai più riproposti nelle gare successive. Essere parte del progetto, però, vuol dire anche questo: mettersi e rimettersi in gioco, continuamente. Quella contro la Reggina sarà la volta del ritorno in campo di uno dei due, o di entrambi? Bisognerà aspettare domenica per conoscere le mosse di mister Novellino: di sicuro, ritornando al titolo, sia Curiale che Angiulli torneranno utili a questo Catania. D’altra parte, si può affermare il contrario del capocannoniere dello scorso campionato? No: primo perché sarebbe ingiusto anche nei confronti dell’uomo-Curiale, secondo perché in potenza il ragazzo di Colonia può garantire alla formazione rossazzurra quella quantità di gol “pesanti” che, nell’arco di una stagione, fanno la differenza. Metteteci dentro anche la diffida di Alessandro Marotta, e ne viene fuori un’alta probabilità di vederlo in campo tra la sfida di Reggio e quella in casa contro la Viterbese.

Per Angiulli il discorso è diverso: il concetto della “protezione di Lodi” nel 3-5-2 schierato da Novellino è uno dei fondamentali della filosofia del tecnico etneo. Angiulli, però, può offrire quella qualità in più che Rizzo, Carriero o Bucolo per caratteristiche non possono garantire, in particolare nel match del Granillo, agendo da secondo playmaker in mediana, sfruttando quella compattezza tra i reparti già mostrata nelle scorse settimane. Entrambi utili: entrambi indispensabili. Entrambi preziosi se recuperati dall’intenso lavoro sull’autostima iniziato da Novellino e che, per adesso, sta fruttando punti e soddisfazioni.