Venezia-Catania 2-1: non bastano Silvestri e una buona prestazione, passano i padroni di casa

By
Pubblicato: 20:55 - 11 Agosto, 2019


Antonio Torrisi

EDITORE

Fautore del calcio "romantico", si appassiona al mondo del giornalismo sportivo sin da piccolo, seguendo le telecronache in TV e iniziando così a coltivare il sogni di essere, un giorno, in cabina di commento in occasione di una finale di Champions League.

Dal 2015 entra a far parte di Catanista, avventura che lo porta ad esordire persino in radio: altro sogno nel cassetto, conservato da bambino.
Antonio Torrisi

Latest posts by Antonio Torrisi (see all)

Il Catania esce sconfitto dal Pier Luigi Penzo, nonostante una buona prestazione contro un Venezia che, al terzo turno di Coppa Italia, sfiderà il Parma.

Prima frazione che si apre con il Catania in avanti con Di Molfetta che non sfrutta una buona occasione nei pressi di Lezzerini: sul capovolgimento di fronte arriva il vantaggio del Venezia con l’inserimento di Zuculini sul cross di Felicioli. Ritmi interessanti, con le due linee mediane che si danno da fare per costruire gioco: al termine del primo tempo arriva il pari rossazzurro. Cross di Lodi dalla bandierina e colpo di testa di Silvestri che batte Lezzerini. Ripresa sicuramente più divertente, con più velocità e più occasioni: il Venezia passa nuovamente in vantaggio grazie alla punizione di Aramu, il Catania va vicinissimo al pareggio con Di Molfetta, sicuramente uno dei migliori nella Laguna, che centra la traversa. Negli ultimi minuti pressione dei rossazzurri, ma il Venezia si difende bene, con la gara che volge al termine: 2-1 per i padroni di casa che passano il turno e avanzano in Coppa Italia. Buon Catania, quello di Camplone, stando anche al risultato finale, in attesa chiaramente del campionato. 

CRONACA:

PRIMO TEMPO –

2’ – Occasione per il Catania: Dall’Oglio serve sulla sinistra Di Molfetta che, lanciato, non concretizza.

3’ – GOL VENEZIA: cross di Felicioli, inserimento di Zuculini che batte Furlan per il vantaggio degli uomini di casa. 

30’ – Primo cambio nel Venezia: esce Vacca, entra Fiordilino.

36’ – Occasione per il Catania: conclusione di Sarno, super intervento di Lezzerini che devia in angolo.

41’ – Ci prova ancora il Catania: Lodi per Pinto che prova a sorprendere Lezzerini che si oppone in corner.

42’ – GOL DEL CATANIA! Sugli sviluppi del calcio d’angolo Tommaso Silvestri stacca e pareggia i conti.

SECONDO TEMPO –

54’ – Ci prova il Catania: Curiale in area aggancia e prova a girarsi, ma il tiro viene deviato il angolo.

54’ – Primo cambio per il Catania: esce Dall’Oglio, entra Mazzarani.

56’ – GOL VENEZIA: calcio di punizione magistrale di Aramu che batte Furlan per il nuovo vantaggio dei padroni di casa.

65’ – Occasione per il Catania: Di Molfetta si invola, entra in area e fa una cosa a metà tra un tiro e un cross, sprecando un’ottima chance.

71’ – Traversa del Catania: Di Molfetta, sicuramente uno dei migliori della formazione di Camplone, si libera e prova la conclusione in porta che si stampa sulla traversa. Catania vicinissimo al pari.

75’ – Secondo cambio per il Catania: esce Llama, entra Bucolo.

78’ – Catania ancora vicino al pareggio: cross dal fondo e palla per Curiale che tocca, ma non riesce a superare Lezzerini. 

79’ – Terzo cambio nel Catania: esce Curiale, entra Di Piazza.

90’ – Tre minuti di recupero.

90’ + 3’ – Triplisce fischio: Venezia-Catania 2-1.

TABELLINO: 

FORMAZIONI: 

VENEZIA: Lezzerini; Fiordaliso, Modolo, Cremonesi, Felicioli, Maleh, Vacca, Zuculini, Aramu, Capello, Bocalon. IN PANCHINA: Bertinato, Lakicevic, Soldati, De Marino, Ceccaroni, Casale, Fiordilino, Gavioli, Strechie, St. Clair, Senesi, Pimenta. All. Alessio Dionisi.

CATANIA: Furlan; Calapai, Silvestri, Esposito, Pinto; Dall’Oglio (dal 54’ Mazzarani), Lodi, Llama (dal 75’ Bucolo); Sarno, Curiale (dal ‘79 Di Piazza), Di Molfetta. IN PANCHINA: Della Valle, Biondi, Marchese, Bucolo, Welbeck, Mazzarani, Catania, Di Piazza, Brodic. All. Andrea Camplone.

MARCATORI: 3’ Zuculini (V), 42’ Silvestri (C), 56’ Aramu (V).

ARBITRI: Piero Giacomelli (Trieste), Mauro Galetto (Rovigo), Giovanni Baccini (Conegliano), Daniele Perenzoni (Rovereto).