Zamuner a Catanista: “Sarno e Catania sono vicini, noi non ci opponiamo di certo”

By
Pubblicato: 15:12 - 11 Gennaio, 2019


Marco Massimino Cocuzza
Marco Massimino Cocuzza

Latest posts by Marco Massimino Cocuzza (see all)

Nel corso di Catanista il Talk, è intervenuto il direttore generale del Padova Giorgio Zamuner, che ha rivelato interessanti dettagli sulla trattativa tra Catania e Vincenzo Sarno:

“Il giocatore non ha fatto la risoluzione del contratto, come era stato detto erroneamente nei giorni scorsi. Ha la nostra piena disponibilità a trattare con il Catania, so che sta già trattando con loro, e che ha dato a loro la priorità. Noi abbiamo dato piena disponibilità anche ai rossazzurri, anche se è normale che adesso la palla passa al giocatore e al Catania stesso, che ha la volontà di prendere il giocatore facendogli anche una buona proposta; credo manchi solo qualche dettaglio e sono fiducioso sul buon esito della trattativa.

Non ci opponiamo al trasferimento perché il ragazzo con noi ha fatto 6 mesi ottimi in C e si è sempre comportato bene con noi, a fronte di un interessamento di una piazza come Catania è chiaro che noi lo lasceremmo partire, dandogli l’occasione di vincere l’ennesimo campionato.

Non abbiamo pensato alla risoluzione perché pensiamo che il ragazzo abbia mercato e non ce ne sia bisogno, ma se Sarno dovesse venire da noi dicendo che l’unica soluzione è quella saremmo comunque disponibili.

Lui ha bisogno di giocare in squadre che giochino in maniera offensiva, e il Catania è chiaramente una di queste. Ad oggi il Padova gioca di rimessa e non ha la possibilità di esprimersi al meglio, nonostante sia un calciatore capace nell’uno contro uno, nelle punizioni e nell’assist.

Come si troverebbe in coppia con Marotta? Io ho sempre pensato che i giocatori bravi si trovino bene a giocare con altri giocatori bravi. So che lo hanno contattato altre squadre che hanno contattato pure me come Monza, Entella, Piacenza e Feralpisalò, che ha però preso Maiorino. In ogni caso chi prenderà Sarno, farà un salto di qualità”.